Commenti

Prendi uno…- 24 Ottobre 2019


Non profit banner
Non profit bannerSclerosi

   ..

…e paghi due.
… E così abbiamo adesso un’ orchestra, anzi due (teatro e filarmonica) che formano insieme il cartellone della sinfonica bolognese. E’ come se gli orchestrali coinvolti (sempre gli stessi di fatto!) si presentassero una volta con il vestito blu e una con quello rosso e tutto considerato non sarebbe poi così strano se la casacca venisse cambiata durante l’intervallo (come fa ad esempio Yuja Wang). Immaginatevi un’azienda nella quale un impiegato svolge anche attività per l’azienda stessa sotto altro cappello…. La “convenzione” recita che la filarmonica è tenuta  (un obbligo NON un vantaggio!) ad utilizzare  la denominazione “Filarmonica del teatro comunale” (!!)- come se non ci tenesse! – e non solo, ma “per il periodo della presente convenzione il teatro concede alla filarmonica l’utilizzo del Manzoni per concerti e prove senza alcun onere per la filarmonica  etc.” (per i puristi ho accorciato le denominazioni per semplificare la lettura), Quindi gratis anche se va riconosciuto – se ho ben capito – che i proventi dei concerti per la stagione sinfonica sono a esclusivo favore del teatro: nulla è però detto a proposito di altre attività. Poiché sembrerebbe che la Filarmonica sia diventata un ente di beneficenza per il teatro ovviamente vi sono altri vantaggi non esplicitati per la filarmonica (ad esempio gli impegni con il Giappone, eventualmente il ROF e la Verdi etc.). Naturalmente do per scontato che da un punto di vista giuridico l’articolato non faccia una piega, ma questo non vuol dire che il tutto sia opportuno e la convenzione suona anche come sanatoria a posteriori di situazioni non chiare e che sono state oggetto di dibattito. Comunque “lunga vita” alla neonata convenzione (attualmente prevista solo per il 2020): chi vivrà…
PS Lamentare le polemiche “non artistiche” sulla gestione del rapporto fra teatro e  filarmonica  – fra cui quelle sostenute da Kurvenal (ma non dimentichiamo quelle  sollevate a suo tempo dal sindaco Merola) – vuol dire non capire nulla di enti pubblici e dei criteri di trasparenza cui debbono attenersi, dal momento che il teatro attinge copiosamente a fondi pubblici. Inutile ricordare in ottica di doverosa trasparenza che è ancora ignoto il testo della convenzione fra teatro e comune, oggetto anche di interrogazioni in consiglio comunale. Qui si tratta non di una polemica artistica ma di deontologia professionale. (Giovanni Neri)
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla). Così facendo riceveranno un e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail
 
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato “clikkare” sul cerchio rosso per cooscere la modalità

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

Blogposts translations are available!
 Apology:  in some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
Website Translation Widget
With Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!
Standard

Una risposta a "Prendi uno…- 24 Ottobre 2019"

  1. Pierdomenico Cippa ha detto:

    ECCO LA CONVENZIONE…!
    Anch’ io ho avuto la sensazione di una redazione un po tampone. Per tacitare le richieste di chiarezza in merito. Di quella transitoria nulla e di sicuro non verrà pubblicata. Salta all’occhio che gli incassi dei concerti filarmonici saranno incamerati dal Comunale. Quindi i musicisti filarmonici proveranno ed eseguiranno otto concerti sinfonici senza incassare nulla.
    Fulgido esempio di vocazione alla beneficenza. Il tutto per offrire al pubblico, a pagamento, otto serate di musica.
    Si legge che direttori e solisti saranno scelti di comune accordo… ma pagati dal Comunale.
    La filarmonica se chiama a dirigere Sir Simon Rattle (ex-Berliner) e il pianista Lang Lang, molto molto costosi, potrà fregiarsi di tali celebrità, mandando il conto al Comunale. Bella trovata.
    Gli sponsor non dovranno essere in concorrenza con quelli del Comunale.
    Una curiosità sorge sui possibili sviluppi di questo accordo. Dopo un anno di prova vedremo come evolve la situazione. Magari i filarmonici chiederanno come tali di suonare di nuovo al ROF, sostituendo l’Orchestra Nazionale della Rai. Auguriamo ai musicisti filarmonici di non essere remunerati come pare avvenisse tempo con buoni Coop.
    Nulla mi toglie dalla testa di pensare che in un futuro non lontano, l’ orchestra verrà sciolta e verranno stipulati contratti ad hoc per ogni concerto o opera. Magari mettendo all’ asta ogni produzione. L’organico che fa la richiesta più vantaggiosa si prende l’appalto. Uno scenario di cui i boss della musica non parlano ma un sogno che tutti, i boss, accarezzano.
    Sipario.

    "Mi piace"

Rispondi a Pierdomenico Cippa Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.