Commenti

I furbetti – 3 Aprile 2020


Non profit banner
Non profit bannerSclerosi

  

Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato “clikkare” sul cerchio rosso per conoscere la modalità

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

Da quando   ..

… è iniziata la chiusura dei teatri per la pandemia si sono interrotti concerti e opere a Bologna. In base alla normativa vigente gli spettatori hanno diritto al rimborso per gli spettacoli già pagati e questo vale ovviamente anche per gli abbonati. Mentre può essere che sia ignota l‘identità di chi ha acquistato un biglietto singolo è certamente vero che questo non vale per gli abbonati. Sono titolare di tre abbonamenti: operistica al comunale, musica insieme e Bologna festival. Da NESSUNA delle tre organizzazioni ho ricevuto un messaggio nel quale mi si chieda se voglio rinunciare al rimborso per solidarietà oppure mi si indichi la modalità con cui chiedere il rimborso. Siamo alle solite: si spera che l‘abbonato „si dimentichi“ di chiedere il rimborso e quindi non di contribuire consapevolmente e  volontariamente a sostenere le istituzioni ma di  sostenere per “dimenticanza“. Una tipica furbata indegna di istituzioni serie che per quanto mi riguarda non accetto e quindi invierò una diffida: ove entro 10 giorni non riceva la dovuta comunicazione chiederò ufficialmente i rimborsi dovutimi. Di „furbetti“ ne abbiamo abbastanza.
PS Quale è la posizione del comitato di indirizzo del teatro comunale in materia…?
(Giovanni Neri)
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione al sito (che non comporta nulla): così facendo riceveranno un messaggio e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail.
Standard

5 risposte a "I furbetti – 3 Aprile 2020"

  1. ufficio stampa bologna festival ha detto:

    A riscontro di quanto pubblicato a firma Giovanni Neri, “I furbetti – 3 aprile 2020”.

    In merito alla questione del rimborso dei ratei di un abbonamento, ci preme precisare che tale rimborso è previsto nel caso di annullamento di un concerto. Bologna Festival, allo stato attuale, ha rinviato i concerti a data da destinarsi. Nessuno dei concerti in programma ad aprile e maggio è stato ancora annullato. Le tempistiche di una riprogrammazione dei concerti, nostro malgrado, non sono brevi e non sono al momento preventivabili.
    Come già comunicato sarà nostra cura avvisare tempestivamente via mail tutti gli abbonati e pubblicare nel sito e nei nostri canali social le modalità di rimborso della quota parte di abbonamento relativa ai concerti che verranno annullati.
    Ufficio Stampa Bologna Festival

    "Mi piace"

    • Prendo atto della precisazione ma sarebbe bene essere più chiari. Le previsioni sulle problematiche del coronavirus – ribadite anche oggi nella consueta conferenza stampa – vedono un possibile piccolo rilassamento delle misure in atto non prima della metà di maggio e certamente i tempi per gli spettacoli saranno più lunghi per la natura stessa delle manifestazioni. Io penso non prima della metà di Giugno a essere ottimisti. Ne deriva che quello che viene definito uno “spostamento” degli spettacoli diventa di fatto un annullamento se – come appare assai possibile – i tempi si dilateranno in questa misura. Gli abbonamenti sono stipulati sotto l’ovvia condizione che le date siano quelle previste (in modo che ognuno possa verificare la compatibilità di tali date con i propri impegni) e non con una traslazione solidale nell’asse dei tempi, magari sforando addirittura fino a Luglio. Aggiungo poi che sarà difficile che in una pandemia come questa (che si potrà solo ridurre e non annullare prima di un vaccino) ci siano molte persone disposte a rischiare di infilarsi in assembramenti con possibili contagi di spettatori anche non sintomatici. Al di là delle valutazioni giuridiche sarebbe quindi molto più serio annullare i presenti abbonamenti e indire una campagna suppletiva con le nuove date in modo che ciascuno sia in grado di decidere in materia. Diverso naturalmente è “un grido di dolore” a cui molti possono “non essere insensibili” ma questo richiede prima di tutto l’emissione del grido e in secondo luogo un’informazione puntuale e tempestiva e magari una qualche compensazione (un bel concerto riservato agli aderenti?). Insomma il silenzio mi pare che possa suscitare qualche- molte perplessità.

      "Mi piace"

  2. Gentile Ingegnere, proprio ieri ho scritto in biglietteria al Comunale, mi hanno dato conferma di ricezione ma non mi hanno risposto. Domani dovrebbe esserci la prima de L’elisir e prima di allora bisogna che qualcosa dicano. Tuttavia non credo nella loro malafede pur condividendo con Lei tutte le criticità dell’Amministrazione. Credo verosimile, ma è solo un mio parere “a sentiment”, che i titoli non rappresentati quest’anno possano essere spostati l’anno prossimo o, come fanno con la danza, fra sei mesi e più. Molti cordiali saluti Fabio Zucchini

    "Mi piace"

    • Lionello Mandelli ha detto:

      Spostare uno spettacolo di danza é semplice. Immagino. Si chiama l’agenzia che “vende” lo spettacolo e si trova un periodo libero in cui riprogrammare lo show. Per le opere invece la faccenda deve essere più complicata. Forse un mese é il tempo sufficiente a portare in scena un titolo. Fra prove musicali e di regia, fra montaggio della scenografia e delle luci. Poi le prove :”… come se fosse”, cioè tutti insieme sul palcoscenico. Giorni indispensabili per una proposta accettabile. Ma già si annuncia, é il caso di Butterfly, allestimento fatto in casa al posto di quello previsto del noto Regista. Regista che può piacere o meno ma di certo di maggior peso culturale di un qualsiasi “buttafuori” intramoenia. L’ importante credo sia che il prossimo tempo al Comunale non sia sotto l’egida dello SCONTO VIRUS. Sono convinto che un teatro serio non debba chiedere benevolenza nel caso di produzioni messe su tanto per fare, perché si doveva andare in scena. Credo che proprio in questa situazione delicata si qualifichi un teatro per il rigore e la serietà che sa mettere in palcoscenico. Se cominceranno a lamentarsi dei finanziamenti e del FUS in ritardo, avranno solo rimestato una polenta. Annoiando chi segue le vicende musicali.

      "Mi piace"

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.