Sinfonica

Quartetto Takàcs – Musica insieme 11 Novembre 2019


Non profit banner
Non profit bannerSclerosi

  

Please notice that  the english version of the post is directly available after the italian’s.
For a list of the previous posts of this blog click on the blue circle
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato “clikkare” sul cerchio rosso per conoscere la modalità

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

.
Che il quartetto Takàcs   …That the Takàcs  quartet
….. sia un’assoluta eccellenza nel panorama quartettistico internazionale è un fatto assodato.  Perfetta fusione sonora, stile impeccabile, intonazione senza incertezze e soprattutto una capacità interpretativa fuori dal comune. A mio personale giudizio sono i degni eredi del quartetto Alban Berg e ancor prima del quartetto Amadeus e il successo tributato alla formazione, un successo normalmente riservato ai grandi solisti ne è la prova. Perfetto in tutti i tre quartetti eseguiti che hanno spaziato dal ‘700 (Haydn) all’ ‘800 (Mendelssohn) e al ‘900 (Bartok). Bravissimi, non si può aggiungere altro. Vorrei però segnalare in particolare l’esecuzione del quartetto di Mendelssohn. Questo autore tedesco che nella sua breve vita ha spaziato come compositore e come esecutore (era un ottimo pianista acclamato ovunque) in tutte le forme musicali (esclusa l’opera – in una sua lettera scrive “datemi un buon testo e il giorno dopo avrete le partitura”) viene spesso tacciato di  insufficiente maturità e di assenza di profondità. Una accusa priva di fondamento. Va ricordato che la giovane età della morte (38 anni) gli ha precluso il periodo della piena maturità, pur essendo al suo tempo già una celebrità (apprezzato anche da Goethe di cui per due volte fu ospite) ed essendo stato  il primo ad organizzare l’esecuzione integrale della Matthäus Passion  di Bach, un’impresa considerata quasi impossibile allora.  Credo che per molti sarebbe interessante leggere la sua biografia per capire di fronte a quale colosso della musica ci si trovi di fronte e di come molte critiche siano superficiali e per molti versi settarie. Le sue qualità sono state appieno valorizzate dall’esecuzione del suo secondo quartetto del quartetto Takàcs che ne ha reso prestigiosamente il significato musicale con un’esecuzione magistrale.  (Giovanni Neri)
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione al sito (che non comporta nulla): così facendo riceveranno un messaggio e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail.

____________________________________________________________________________________________________________________________

…..is an indisputable  excellence in the international quartet arena is a well-established fact.  Perfect sound fusion, impeccable style, intonation without uncertainty and above all an interpretive ability absolutely out of the ordinary. In my personal opinion they are the worthy successors of the Alban Berg quartet and before the Quartet Amadeus quartet and the success of the formation, a success normally reserved for the great soloists, is its proof. Perfect in all three performed quartets that ranged from the seventienth century (Haydn) to the eightienth (Mendelssohn) and the ninth (Bartok). Extermely good, you can’t add anything else. However, I would like to point out in particular the performance of Mendelssohn’s quartet. This German author who in his short life has ranged as a composer and performer (he was an excellent everywhere acclaimed  pianist) in all musical forms (excluding the opera – in one of his letters he writes “give me a good text and the next very day you will have the score”) is often accused of insufficient maturity and lack of depth. An unsubstantiated accusation. It should be remembered that the young death age  (38 years) precluded him from the period of full maturity, despite being already a celebrity (also appreciated by Goethe of which he was twice a guest) and having been the first to organize the integral execution Bach’s Matthaus Passion, a feat considered almost impossible at his time.  I think it would be interesting for many to read his biography to understand what music behemoth you are facing and how much criticism is superficial and in many ways sectarian. Its qualities were fully enhanced by the performance of the his second quartet of Takàcs quartet that rendered  its musical significance with a masterful performance.(Giovanni Neri)
PS I would kindly ask the readers of this blog to  register  (which implies nothing) which can be easily made  by “clicking” the black square above each post. By so doing they will receive an e-mail message whenever a new post is published.
PS A “blogger” is not an oracle and inevitably makes errors (the minimum possible..). I often receive “corrections” not always fundamental and not always accurate. Just as I submit myself to the judgement of others with the name and surname so those who want to have the goodness to report errors or inaccuracies will have to do so only by sending a comment: everyone has his own responsibility.
Programma
Franz Joseph Haydn Quartetto per archi n. 31 in do maggiore Hob. III:39
Béla Bartók Quartetto per archi n. 6
Felix Mendelssohn Quartetto n. 2 in la maggiore op. 13
 Apology:  in some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
Website Translation Widget
With Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!
Standard

2 risposte a "Quartetto Takàcs – Musica insieme 11 Novembre 2019"

  1. Ascoltati ieri alla Societa’ del Quartetto di Milano. Il programma comprendeva i quartetti op.18/3 e op.135 di Beethoven e il quartetto n.6 di Bartok.
    Concordo in pieno con il giudizio del Prof.Neri, anche a Milano il Qt. Takacs ha offerto esecuzioni eccellenti sia dal punto di vista stilistico che interpretativo. Impeccabili anche tecnicamente, ad eccezione di una piccola incertezza d’intonazione pochi secondi dopo l’inizio del concerto nel primo movimento dell’op.18/3, cose che possono capitare in un concerto dal vivo, specialmente “a freddo”. La cifra interpretativa del Takacs e’ assolutamente “classica”, lontana da sperimentalismi e dalla ricerca di suoni e tempi aggressivi. Il Takacs, in una visione complessiva sempre lucidissima, evidenzia particolarmente l’aspetto lirico delle musiche suonate, soprattutto in Bartok il cui quartetto e’ stato a mio parere l’apice interpretativo della serata. Rispetto alla formazione che ha effettuato le magnifiche registrazioni DECCA tra gli anni ’90 e i primi anni 2000, sono cambiati il secondo violino e la viola sostituiti da due validissime musiciste che in nulla fanno rimpiangere i loro rispettivi predecessori. Un bellissimo concerto purtroppo funestato nel meraviglioso movimento lento dell’op.135 di Beethoven dai colpi di tosse di alcuni implacabili rumoristi. Io mi chiedo come mai certa gente non possa almeno mettersi un fazzoletto davanti alla bocca…..

    "Mi piace"

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.