Commenti

Il futuro del comunale – 30 Ottobre 2019


Non profit banner
Non profit bannerSclerosi

   ..

Da un’intervista .
… sul Carlino dell”arch, Orioli  al Carlino apprendiamo che nel futuro del comunale ci sono (testuale) “ingressi, vetrate, bistrot… ecco il nuovo comunale”,  Immagino che questo progetto avvenga con il consenso del comitato di indirizzo (sempre unanime?). Dopo il bar nel foyer con luci colorate  di una recente opera, la vendita di arredi, una programmazione cui manca ancora “Lo zecchino d’oro”  (ma mai disperare!) ora abbiamo l’ennesima trovata che porta il teatro al livello di una fiera, di una kermesse di paese. Forse in un futuro avremo anche un tirassegno “quattro palle un soldo”, banconi con canditi e zucchero filato e arredi natalizi. Debbo immaginare che lo scopo sia quello di incrementare le finanze del teatro che non sono alimentate da sufficienti sponsorizzazioni (e forse sarebbe ora di chiedersi il perché, a meno che non si ritenga Bologna una città di sottocultura). Sia chiaro: tutti i teatri hanno uno shop che riguarda in massima parte pubblicazioni musicali ma con una specifica dignità: “est modus in rebus” (Orazio satire). Ma la domanda che nasce spontanea è: ma tutto questo Barnum trova corrispondenza in altri teatri dello stesso (preteso) livello? Qualcuno può immaginarsi La Scala trasformata in tendone da circo, una Staatsoper di Berlino con festoni e cotillons, un San Carlo di Napoli agghindato come un padiglione di fiera? A me non pare (e mi scuso se qualcosa mi sfugge pronto a ricredermi se smentito- nel teatro c’è qualche Catone che legge attentamente i miei posts e li commenta,  magari a sproposito) e mi chiedo per quale maledizione il comunale bolognese debba costituire un “unicum” negativo essendo un teatro che ha visto la prima rappresentazione wagneriana, ha un’architettura bellissima e vanta grandi tradizioni (del passato!). Chissà, forse il comunale fa da apripista ma la sensazione è che anziché costituire un “uomo solo al comando” sia  invece in corsa per la maglia nera. Ma poi a chi importa del teatro attualmente nelle amministrazioni pubbliche, comprensibilmente prese dalle problematiche delle prossime tornate elettorali?   (Giovanni Neri)
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla). Così facendo riceveranno un e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail
 
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato “clikkare” sul cerchio rosso per cooscere la modalità

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

Blogposts translations are available!
 Apology:  in some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
Website Translation Widget
With Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!
Standard

Una risposta a "Il futuro del comunale – 30 Ottobre 2019"

  1. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    La famosa Bologna da bere…
    E con l’avvicinarsi delle elezioni l’ ” offerta” aumenterà, come gli “eventi” mangerecci e gli “artisti di strada” con amplificatori sempre più potenti. Latitando il panem, per il popolo – immaginato a propria immagine – si abbonda in circenses “multiculturali”.

    Il problema è che si scambia la “competenza” – ammesso e non concesso che ci sia e più spesso rimane un mistero come e da chi venga misurata : certamente il clientelismo ne è il prerequisito – con la “cultura” che è tutta un’altra cosa ed impiega con fatica e dedizione ogni giorno dell’intera vita…

    "Mi piace"

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.