Operistica

La traviata – Berlino Deutsche Oper 27 Settembre 2019


Non profit banner
Non profit bannerSclerosi

  

Qualcuno ha idea..  Someone has an idea..

…di quante scenografie di Traviata sono cominciate con Violetta sul letto di morte durante l’ouverture?  Anche questa versione non si sottrae alla tentazione (ma va ricordato che la Deutsche Oper tendenzialmente è molto più conservatrice della Staatsoper) con la variante che la malata resuscita improvvisamente alla fine dell’ouverture e aiutata da un inserviente di scena indossa un abito da sera mentre gli invitati entrano e il letto viene ricoperto da un drappo che lo trasforma in un divano. Per il resto tradizione sotto ogni aspetto con qualche caduta di stile quando nel corso della festa a casa di Flora quest’ultima viene agghindata come una maitresse e si esibisce in una sorta di corrida nella quale interpreta la parte del toro. Quanto  a regia e scenografia null’altro da segnalare. Una messa in scena dignitosa per un pubblico che non vuole colpi di genio (veri, non alla Michieletto, che di genio non hanno nulla) e che partecipa emotivamente alla vicenda di Violetta.
Ma non ci si può trovare sempre di fronte a capolavori.  Quanto al canto una buona prova di Mariangela Sicilia, se si eccettua qualche incertezza nel primo atto e il rifiuto dell’acuto finale nella grande aria del primo atto. Ma nel corso dell’opera è sensibilmente migliorata. Alfredo (Piotr Beczala) è un tenore di buon livello senza smagliature e senza eccellenze. Molto buona la prova di Noel Bouley come Giorgio Germont, un baritono che possiede sia il tono che la giusta impostazione per il ruolo. Quanto alla direzione e all’orchestra, se si eccettuano alcuni inutili rallentamenti, ci si è trovati di fronte a un buon prodotto professionale. Pubblico foltissimo e grandi applausi. Ma come si può contestare Traviata a Berlino?

 (Giovanni Neri)
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla). Così facendo riceveranno un e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail.

….of how many  stagings of Traviata began with Violetta on her deathbed during the overture?  Even this version does not escape this temptation (but it should be remembered that Deutsche Oper tends to be much more conservative than the Staatsoper) with the variant that the sick young suddenly resurrects at the end of the overture and helped by a stage attendant wears an evening dress while the guests enter and the bed is covered with a drape that turns it into a sofa. For the rest tradition in every respect with a few problems of style when during the party at Flora’s house when the latter is dressed up as a maitresse and performs a kind of bullfight in which she plays the part of the bull. For the direction and stage set design nothing else to report. A dignified staging for an audience that does not want strokes of genius (real, not as Michieletto’s, who have nothing of genius) and who participates emotionally in the story of Violetta. But you can’t always find yourself in front of masterpieces.  As for the singing a good test of Mariangela Sicilia, except for some uncertainties in the first act and the rejection of the final acute in the great air of the first act. But over the course of the opera she has significantly improved. Alfredo (Piotr Beczala) is a good tenor with no great faults and no excellence. The performance of Noel Bouley as Giorgio Germont, a baritone who possesses both the tone and the right setting for the role, was very good. As for the direction and the orchestra, except for some unnecessary slowdowns, we were faced with a good professional product. A loud audience and loud applause. But how can Traviata be challenged in Berlin?
 (Giovanni Neri)
PS I would kindly ask the readers of this blog to  register  (which implies nothing) which can be easily made  by “clicking” the black square above each post. By so doing they will receive an e-mail whenever a new post is published.
PS A “blogger” is not an oracle and inevitably makes errors (the minimum possible..). I often receive “corrections” not always fundamental and not always accurate. Just as I submit myself to the judgement of others with the name and surname so those who want to have the goodness to report errors or inaccuracies will have to do so only by sending a comment: everyone has his own responsibility. 
 
For a list of the previous posts of this blog click on the blue circle
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato “clikkare” sul cerchio rosso per cooscere la modalità

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

Cast

Conductor Stephan Zilias

Director Götz Friedrich

Costume-design Klaus Bruns

Lighting Ulrich Niepel

Chorus Master Thomas Richter

Choreographer Klaus Beelitz

Violetta Valéry Mariangela Sicilia

Alfredo Germont Piotr Beczala

Giorgio Germont Noel Bouley

Flora Bervoix Karis Tucker

Baron Douphol Stephen Bronk

Marquis D’Obigny Philipp Jekal

Doktor Grenvil Andrew Harris

Giuseppe Ya-Chung Huang

A messenger Patrick Guetti

A servant Holger Gerberding

Blogposts translations are available!
 Apology:  in some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
Website Translation Widget
With Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!
Standard

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.