Cameristica

Sun Hee You – Bologna pianofortissimo 25 Giugno 2019


Non profit banner
Non profit bannerSclerosi

  

Please notice that  the english version of the post is directly available after the italian’s.
For a list of the previous posts of this blog click on the blue circle
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato “clikkare” sul cerchio rosso per cooscere la modalità

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

.
Pur non essendo uno…Although not a great fan…
….. sfegatato fan delle contaminazioni ho imparato ad accettarle se prese a piccole dosi. Un esempio di equilibrio è quello mostrato dalle sorelle Labeque o in altri campi quello di Yo Yo Ma, ma un intero tempo di musica sostanzialmente jazzistica in un concerto teoricamente di musica “vera” è decisamente troppo e pare ammiccare a un gusto corrivo del pubblico alla ricerca di un facile successo. Il pianismo della giovane coreana è lungi da essere quello dei giovani leoni del sud est asiatico (uno per tutti Seong-Jin Cho) e si iscrive in un quadro di onesto professionismo privo di punte di eccellenza. Ne fa fede  – ad esempio – l’esecuzione dei  preludi di Skrjabin, un compositore visionario e provocatorio, che assomma nella sua produzione le pulsioni della  modernità e un costante richiamo a schemi ed armonie innovative. Qui è risultato scialbo e monotono, per lo più scolastico e alla fine noioso. Non molto meglio Rachmaninov, fra l’altro piagato da un’esecuzione tecnica non immacolata. Nonostante il preludio finale sia di quelli che normalmente strappano un applauso fragoroso, qui l’applauso è stato piuttosto freddino, a riprova che anche un pubblico non sofisticato è in grado di cogliere i limiti di un’esecuzione tutto considerato modesta. Quanto alle composizioni di Kapustin, la sonata ha un minimo di dignità musicale mentre le bagatelle e le variations sono puro jazz. Una buona esecuzione ma fuori luogo nel contesto  di un concerto serio di pianofortissimo. Certamente un concerto lungi dall’essere esaltante con un bis.  PS E’ inconcepibile che l’organizzazione del concerto non sia in grado di imporre il rispetto di quel minimo sindacale di educazione concertistica che richiede che i cellulari non solo siano silenziati ma anche SPENTI per evitare l’insopportabile fastidio della luce emessa.  Innanzitutto la cosa dovrebbe essere richiesta esplicitamente all’inizio del concerto e poi le hostesses che inizialmente distribuiscono i programmi dovrebbero essere impegnate nel contrasto a una prassi che rende il concerto inascoltabile. Le due signore di fianco a me per fare un esempio  (madre e figlia agghindate come per un defilé di scarso gusto)  hanno passato l’intero concerto a compulsare i rispettivi cellulari (dovevano ovviamente colloquiare con Trump e Putin…) e non si capisce che cavolo ci facciano al concerto se della pianista loro non importa un fico senza che nessuno intervenga. Aggiungo che i cellulari ovviamente non sono utilizzati nel corso dell’intervallo, dedicato alle public relations. Insomma un’organizzazione carente e dilettantistica.  (Giovanni Neri)
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione al sito (che non comporta nulla): così facendo riceveranno un messaggio e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail.

…of musical contaminations  I learned to accept them if taken in small quantities. An example of correct balance is that of the Labeque sisters or in another field that of Yo Yo Ma, but a whole part of basically jazz music in a concert theoretically of “real” music is decidedly too much and seems to winking at a more courier taste of the audience, looking for easy success. The pianism of the young Korean is far from that of the young lions of southeast Asia (one for all Seong-Jin Cho) and lies in the framework of honest professionalism devoid of specific excellence. This is proven – for example – by the performance of Skrjabin’s preludes, a visionary and provocative composer, who adds in his production the impulses of modernity and a constant reference to classical schemes and innovative  harmonies. Here it turned out to be dull and monotonous, mostly schoolastic and ultimately boring. Not much better Rachmaninov, plagued by a technical execution not immaculate. Despite the final prelude which normally draws a thunderous applause, here the applause was rather chilly, proving that even an unsophisticated audience is able to grasp the limits of an all-considered modest performance. As for Kapustin’s compositions, the sonata has a modicum of musical dignity while the bagatelle and variations are pure jazz. A good performance but out of place in the context of a serious piano concert. Certainly a concert far from exhilarating  (Giovanni Neri)
PS I would kindly ask the readers of this blog to  register  (which implies nothing) which can be easily made  by “clicking” the black square above each post. By so doing they will receive an e-mail message whenever a new post is published.
PS A “blogger” is not an oracle and inevitably makes errors (the minimum possible..). I often receive “corrections” not always fundamental and not always accurate. Just as I submit myself to the judgement of others with the name and surname so those who want to have the goodness to report errors or inaccuracies will have to do so only by sending a comment: everyone has his own responsibility. 
Programma
A.Scrjabin 5 preludi op.15
S.Rachmaninov 6 preludi
N.Kapustin Sonata n.1 op.39, Bagatelle op.59 n.6, Variations op. 41

 

Blogposts translations are available!
 Apology:  in some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
Website Translation Widget
With Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!
Standard

Una risposta a "Sun Hee You – Bologna pianofortissimo 25 Giugno 2019"

  1. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    La propaganda politica ci indica i macroscopici fenomeni della globalizzazione come inevitabili al fine di farceli inghiottire.
    Temo che anche l’ uso dell’ onnipresente ed onnipotente cellulare faccia parte del pacchetto.
    Una volta accettato il principio, è vano opporsi selettivamente, temo…

    "Mi piace"

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.