Cameristica

Widmann / Várjon – Musica Insieme Bologna 18 Marzo 2019


Non profit banner
Non profit bannerSclerosi

Please notice that  the english version of the post is directly available after the italian’s.
For a list of the previous posts of this blog click on the blue circle
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato “clikkare” sul cerchio rosso per cooscere la modalità

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

 

Accompagnata…. Accompanied ..
   .. dal veramente ottimo pianista Dénes Varjon (già ascoltato a Bologna in occasione della conferenza-concerto di Brendel sulla sonata in si minore di Liszt) , la violinista tedesca CarolIN Widmann ha tenuto un eccellente concerto con un programma che ha racchiuso fra le due sonate di Schumann la sonata di Debussy e la bella  “Sonatina” (un vezzo che ricorda quello di Ravel) di Sándor Veress. La Widman è dotata di tecnica eccellente (non una nota fuori posto o un’intonazione incerta) e di grande senso musicale con un rispetto rigoroso dello stile dei compositori eseguiti. Un fraseggio squisito sottolinea le sue doti. E va qui ricordato che un duo si basa – appunto – su due elementi e che solo con il dialogo con un pianista di grandi capacità le qualità di un violino possono emergere. Un solo appunto può essere fatto alla Widmann: quello di un suono non sempre sufficiente, più da cameristica che da grande sala.  Alcuni “pianissimi” hanno raggiunto solo le prime file dell’auditorio e in generale comunque il volume del suono estratto dal suo Guadagnini è risultato contenuto. E’ comunque questa una vera artista che ci auguriamo di risentire quanto prima (e non il musicalmente sventurato Fazil Say!!!).
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) e che può essere facilmente effettuata “clikkandoa” sul riquadro nero sopra ogni post. Così facendo riceveranno un e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. Da tempo ho  rimosso il mio profilo su  facebook: non posso quindi essere contattato per questioni private via messenger ma solo via e-mail all’indirizzo giovanni.neri@unibo.it. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail.

   ..by the truly excellent pianist Dénes Varjon (already heard in Bologna at the conference-concert of Brendel on the B minor Sonata of Liszt), the german violinist Carol Widmann held an excellent concert with a program that enclosed, between the two Schumann sonatas, the Debussy sonata and the beautiful “sonatina” (a name reminiscent of Ravel’s) by Sándor Veress. Widman is endowed with excellent technique (not an out-of-place note or an uncertain intonation) and of great musical sense with a rigorous respect of the style of the performed composers. An exquisite phrasing emphasizes her talents. And It should be remembered that a duo is based on two elements and that only with the dialogue with a pianist of great skill the qualities of a violin can emerge. Just one little note can be made to Widmann: that of a sound not always sufficient, more for a chamber than for a large hall.  Some “pianissimi” reached only the first rows of the auditorium and in general the volume of sound extracted from her Guadagnini was very reduced. However, this is a real artist that we hope to hear again as soon as possible (and not the musically hapless Fazil Say!!!).
PS I would kindly ask the readers of this blog to  register  (which implies nothing) which can be easily made  by “clicking” the black square above each post. By so doing they will receive an e-mail whenever a new post is published.
PS A “blogger” is not an oracle and inevitably makes errors (the minimum possible..). I often receive “corrections” not always fundamental and not always accurate. Just as I submit myself to the judgement of others with the name and surname so those who want to have the goodness to report errors or inaccuracies will have to do so only by sending a comment: everyone has his own responsibility. Since long time I have removed my profile on Facebook and therefore I cannot be contacted for private issues via messenger but only by email at giovanni.neri@unibo.it.
 
Programma
Robert Schumann Sonata n. 1 in la minore op. 105
Claude Debussy Sonata in sol minore
Sándor Veress Sonatina
Robert Schumann Sonata n. 2 in re minore op. 121
Blogposts translations are available!
 Apology:  in some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
Website Translation Widget
With Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!
Standard

Una risposta a "Widmann / Várjon – Musica Insieme Bologna 18 Marzo 2019"

  1. sandrafesti ha detto:

    È stato davvero un gradito concerto : oltre le belle qualità dei due artisti, cui Kurvenal riconosce i meriti, essi hanno saputo trasmettere il dialogo intimo tra i suoni degli strumenti: un’ esperienza emotiva.

    "Mi piace"

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.