Cameristica

Fazil Say- Bologna Musica Insieme 4 Marzo 2019


Non profit banner
Non profit bannerSclerosi

Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato “clikkare” sul cerchio rosso per cooscere la modalità

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

Avevamo già avuto..
...la disgrazia di assistere a più di un concerto dello strimpellatore turco e ogni volta la performance è risultata peggiore del prevedibile. Durante l’esecuzione (nel senso di esecuzione capitale) dell’ op. 106 di Beethoven mi sono chiesto a quali politici assomigli musicalmente Say e non ho avuto dubbi: a quelli rozzi e truculenti presenti sulle due sponde dell’atlantico visto che si muove nella cristalleria della musica come un elefante ubriaco. La 106 è musicalmente come il tempio di Sarastro del Flauto Magico mozartiano che richiede per l’ingresso prove di coraggio, di saggezza, di sensibilità: con la 106 Beethoven “monumentum exegit aere perennius”, mentre qui non siamo neppure al livello dello stagno. La sonata  è diventata un bordello nel quale il pianista turco ha  perpetrato le peggiori malefatte musicali condite di abbondanti strafalcioni. L’approccio di Say nei confronti della 106 è quello della ruspa dei gilet jaunes o del “tanko” veneziano leghista. Inutile parlare degli altri brani fra i quali il nostro ha inserito come sempre alcune “perle” del suo repertorio compositivo (anche nell’unico bis con un brano quasi di musica leggera). Questo è un concerto (se così si può chiamare) in cui anzichè il solito pistolotto iniziale ce ne sarebbe voluto uno finale nel quale sottolineare a quale scempio si è assistito. Unica consolazione un successo di pubblico limitato che depone a favore della insperata competenza del pubblico stesso.
PS Questo (s)concerto non merita neppure la fatica di una versione inglese.
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) e che può essere facilmente effettuata “clikkando” sul riquadro nero sopra ogni post. Così facendo riceveranno un e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. Da tempo ho  rimosso il mio profilo su  facebook: non posso quindi essere contattato per questioni private via messenger ma solo via e-mail all’indirizzo giovanni.neri@unibo.it. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail.
 
Programma
Claude Debussy Sei Préludes
Fazil Say Yürüyen Köşk op. 72, Black Earth
Ludwig van Beethoven Sonata n. 29 in si bemolle maggiore op. 106
Blogposts translations are available!
 Apology:  in some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
Website Translation Widget
With Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!
Standard

Una risposta a "Fazil Say- Bologna Musica Insieme 4 Marzo 2019"

  1. ITALO BICCHIERRI ha detto:

    ASCOLTANDO DEBUSSY ( ? ) HO AVUTO LA VISIONE DI UN PUBBLICO, CHE MAN MANO SI ALZASSE E LASCIASSE VUOTA LA SALA COME UNA INSPERATA SINFONIA DEGLI ADDII HAYDNIANA.. IN COMPENSO HO MOLTO APPREZZATO I BRANI DELL’ ARTISTA,( COME MUSICA DA BISTROT ).

    "Mi piace"

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.