Cameristica

Benedetto Lupo – Milano Quartetto 19 Febbraio 2019


Non profit banner
Non profit bannerSclerosi

Please notice that  the english version of the post is directly available after the italian’s.
For a list of the previous posts of this blog click on the blue circle
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato
Un altro concerto….Another concert
   .. tutto basato su musica del XIX secolo. Certo, è stato un secolo fondamentale per il pianismo anche per l’affermarsi di strumenti sempre più sofisticati e performanti, ma mi pare che anche il XVIII e il XX secolo abbiano prodotto musicisti di grande spessore, che non credo opprotuno citare perchè troppo noti. Si assiste sempre alla spasmodica ricerca di autori e brani da tirare fuori dal cassetto della storia. purchè del XIX secolo, anche se di qualità molto discutibile. Con il concerto di Lupo non siamo per fortuna in questo caso ma la sonata di Čajkovskij non appartiene certo al repertorio più frequentato, e non a caso. E’ una sonata diseguale e priva d una unitarietà. Di certo non è il brano più significativo del compositore russo. Benedetto Lupo è un pianista con il “vizietto”: a scopo di accentuare l’interpretazione spessissimo disallinea la mano destra e quella sinistra, una pratica dei tempi di Cortot che dovrebbe essere ormai in disuso e che solo in casi eccezionali dovrebbe essere utilizzata.  Dotato di un’ottima tecnica (ma non trascendentale – ormai siamo abituati solo a pianisti dotati di una “mano” eccezionale) ha grandi capacità interpretative ma con il difetto che per sottolineare il fraseggio finisce per far perdere il filo della composizione eseguita. Con questo intendo che ogni brano ha una sua linea di sviluppo che frazionata in molteplici episodi perde in parte il suo significato. E’ questo il limite di Lupo che certamente è un buon pianista ma che non si può collocare nell’olimpo dei grandi interpreti. Due bis: “Dicembre” dalle Stagioni di Čajkovskij e “Am Abend” dai Phantasiestücke di Schumann. Un buon successo di pubblico.
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) e che può essere facilmente effettuata “clikkando” sul riquadro nero sopra ogni post. Così facendo riceveranno un e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. Da tempo ho  rimosso il mio profilo su  facebook: non posso quindi essere contattato per questioni private via messenger ma solo via e-mail all’indirizzo giovanni.neri@unibo.it. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail.

   ..based exclusively on music of the nineteenth century. Of course it was a century fundamental for pianism also for the emergence of increasingly sophisticated and performing instruments, but it seems to me that even the XVIII and the XX centuries have produced musicians of great value, which I do not think reasonable to cite because too well known. We always witness the spasmodic search for authors and pieces to be pulled out of the drawer of history, provided they belong to the nineteenth century, although of very questionable quality. With the concert of Lupo we are not fortunately in this case but Tchaikovsky’s Sonata certainly does not belong to the most executed repertoire, and not by chance. It is certainly not the most important piece of the Russian composer. Benedetto Lupo is a pianist with the “bad habit”: In order to accentuate the interpretation, he often misaligns the right and left hand, a practice of the times of Cortot that should be now in disuse and that only in exceptional cases should be used.  Endowed with an excellent technique (but not transcendental – we are today accustomed only to pianists endowed with an exceptional “hand”) has great interpretative skills but with the fault that to emphasize the phrasing loses the thread of the performed composition performed. By this I mean that each piece has its own line of development that once split up into multiple episodes loses partially its meaning. This is the limit of Lupo that is certainly a good pianist but that cannot be placed in the Olympus of the great performers. Two encores: “December” from Čajkovskij’s seasons and “Am Abend” from Schumann’s Phantasiestücke. A good public success, 
PS I would kindly ask the readers of this blog to  register  (which implies nothing) which can be easily made  by “clicking” the black square above each post. By so doing they will receive an e-mail whenever a new post is published.
PS A “blogger” is not an oracle and inevitably makes errors (the minimum possible..). I often receive “corrections” not always fundamental and not always accurate. Just as I submit myself to the judgement of others with the name and surname so those who want to have the goodness to report errors or inaccuracies will have to do so only by sending a comment: everyone has his own responsibility. Since long time I have removed my profile on Facebook and therefore I cannot be contacted for private issues via messenger but only by email at giovanni.neri@unibo.it.
 
Programma
R. SchumannKinderszenen op. 15
R. SchumannKreisleriana op. 16
P. I. ČajkovskijGrande sonata in sol maggiore op. 37
Blogposts translations are available!
 Apology:  in some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
Website Translation Widget
With Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!
Standard

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.