Cameristica, Recensioni

Festival strings Lucerne/ Alban Gerhardt – Musica Insieme 15 Ottobre 2018

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Il concerto apre la stagione   ,.. The concert opens the season…
Leggete anche il blog di commenti politici Bertoldo
… 2018-2019 di Musica insieme. Un complesso, come è tradizione e – secondo la relatrice della relazione iniziale – il migliore del panorama internazionale. Non sappiamo su quali parametri l’affermazione si basi ricordando che – ad esempio – le formazioni cameristiche dei Berliner difficilmente avranno qualcosa da invidiare. Ma – sia chiaro – nulla da eccepire su un ensemble privo di direttore (è guidato infatti dal primo violino) dotato di ottima musicalità, senso dello stile e amalgama sonoro cementato da una lunga consuetudine. Inserito in questo contesto il violoncellista Gerhard ha potuto dimostrare tutta la sua funambolica tecnica in tre brani, fa cui svettano le famosisime variazioni di  Čajkovskij su un tema rococò, una composizione del compositore russo non fra le sue più felici anche se spesso eseguite proprio per permettere di fare sfoggio della maestria degli esecutori. Va comunque precisato che anche nei brani più cantabili il solista ha sfoggiato suono di grande qualità e capacità interpretative. Forse il suo limite sta comunque nel privilegiare gli aspetti funambolici, come nel bis concesso al termine della prima parte del programma, il “moderato” del grande Rostropovich. Fuori dal programma ufficiale anche l’esecuzione del Pezzo Capriccioso di  Čajkovskij, anche questo di grande difficoltà tecnica. Complessivamente il concerto ha avuto un ottimo successo di pubblico coronato da un bis di Sibelius.  Piccola nota organizzativa. Ma perchè la relatrice della noiosissima introduzione (nella quale, peraltro, non tutti i brani sono stati analizzati – una lacuna culturale?) non ha annunciato il cambio di programma? E perchè non l’ha fatto l’organizzazione lasciando il compito al che con la sua voce certamente non stentorea ha raggiunto solo le prime due file dell’uditorio?
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. Da tempo ho  rimosso il mio profilo su  facebook: non posso quindi essere contattato per questioni private via messenger ma solo via e-mail all’indirizzo giovanni.neri@unibo.it.
——————————————————————————————————————————————————————————————————————–
..  2018-2019 of Musica Insieme. An ensemble as is the tradition and – according to the concert ‘s speaker – the best of the international panorama. We do not know what parameters the statement is based on, remembering that – for instance – the chamber ensembles of the Berliner hardly have something to envy. But-let’s be clear, nothing to complain for an ensemble without conductor  (it is guided in fact by the leader) endowed with excellent musicality, sense of style and sound amalgamation cemented by a long tradition. Inserted in this context, the cellist Gerhard was able to demonstrate all his technical skills in three pieces, among which there were the famous variations of Tchaikovsky on a Rococo theme, a composition of the Russian composer not among his best though often executed just to allow to show off the mastery of the performers.  In any case it must be underlined that even in the most “cantabili” the soloist has sported sound of great quality and interpretive skills. Perhaps his limit lies in funambolic aspects, as in the encore granted at the end of the first part of the program, the “moderato” by the great Rostropovich. Out of the official program also the execution of the “pezzo capriccioso”  of Tchaikovsky, also this of great technical difficulty. Altogether the concert had a great success of public crowned by an encore of Sibelius. Small organizational note. Why the speker of the very boring introduction (where, moreover, not all the songs have been analysed – a cultural shortcoming?) did not announce the change of program? And why the organization left the task to the cellist  whose small voice  has reached only the first two rows of the audience?
I would kindly ask the readers of this blog to  register  (which implies nothing) which can be easily made  by “clicking” the black square above each post. By so doing they will receive an e-mail whenever a new post is published.
PS A “blogger” is not an oracle and inevitably makes errors (the minimum possible..). I often receive “corrections” not always fundamental and not always accurate. Just as I submit myself to the judgement of others with the name and surname so those who want to have the goodness to report errors or inaccuracies will have to do so only by sending a comment: everyone has his own responsibility. Since long time I have removed my profile on Facebook and therefore I cannot be contacted for private issues via messenger but only by email at giovanni.neri@unibo.it.
 
Daniel Dodds primo violino
Programma
Niels Wilhelm Gade Novellettes n. 1 in fa maggiore op. 53 per archi
Pëtr Il’ič Čajkovskij Variazioni su un tema rococò in la maggiore op. 33mm(trascrizione per violoncello e archi di David Walter)
Enrico Mainardi Elegia per violoncello e archi
Pëtr Il’ič Čajkovskij  Pezzo Capriccioso
Felix Mendelssohn Sinfonia per archi in do maggiore MWV n. 9 – Schweizer Symphonie
Blogposts translations are available!
 Apology:  in some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
Website Translation Widget
With Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
Please read the post comments activating the radiobutton “commenti”on the left of the post. Sometimes they are even more interesting than  the post itself!!!
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!
PS I’d like to thank all people that provide comments to the posts using the option “lascia un commento” (or  “commenti” if some have been already inserted) which is provided on the left of the posts (or before the text in case of tablets). The debate is always interesting …. thanks (it is mandatory to leave name and surname – anonymous comments will not be published)!!
Standard

2 risposte a "Festival strings Lucerne/ Alban Gerhardt – Musica Insieme 15 Ottobre 2018"

  1. ITALO BICCHIERRI ha detto:

    CONCERTO MOLTO NOIOSO SIN DALLA INTRODUZIONE. LA RELAZIONE INIZIALE PROBABILMENTE SAREBBE STATA ADEGUATA AD UNA AULA DI SCUOLA MEDIA ( INFERIORE )

    Mi piace

    • Concordo al 150% sulla introduzione. E’ come una maledizione di cui non ci si riesce a liberare nonostante Kurvenal abbia un paio di anni fa condotto un sondaggio che dimostrava che più del 60% del pubblico ne voleva l’abolizione. E la “maestrina” Mazzi pare non avere imparato la lezione e continua con i suoi pistolotti da scuola media (inferiore). Ma qui non siamo in una scuola media con allievi ignoranti. Ma forse ignorante è la “maestrina” che però deve avere qualche santo in paradiso se continua a molestarci. … Sul concerto non concordo: non eccezionale ma non da buttare via.

      Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.