Commenti

Comunale again – Bologna 19 Luglio 2018


Non profit banner
Non profit bannerSclerosi

Please notice that  the english version of the post is directly available after the italian’s. For a list of the previous posts of this blog click on the blue circle
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Si potrebbe ipotizzare
      una sorta di mio accanimento contro il management del teatro comunale. Ma come passare sotto silenzio l’ennesima “topica”? Nel centro di Bologna campeggiano manifesti con l’elenco dei compositori con rapporti con Bologna fra i quali compare … Toscanini, grande, ma solo direttore d’orchestra! E poi la prima del Lohengrin di Wagner è del 1871 e non del 1872….  Senza contare altre “perle” del manifesto (come quella di “fare lezione” da G.B.Martini che si presta a essere interpretata come se Mozart insegnasse mentre era invece un giovanissimo allievo!) persino stigmatizzate sul Corriere di Bologna da A.Taverna che di certo non può essere annoverato fra i censori severi del teatro. Ennesima prova insufficiente di un ufficio stampa semplicemente da cacciare (quousque.… ma che santi in “paradiso” ha quest’incompetente?) Ma è possibile che il teatro sia in mano a dei dilettanti?  PS Alcuni avranno notato che manca la versione inglese del post. Traduco solo quelli che sono di interesse generale e non locale. A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) e che può essere facilmente effettuata “clikkando” sul riquadro nero sopra ogni post. Così facendo riceveranno un e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. Da tempo ho  rimosso il mio profilo su  facebook: non posso quindi essere contattato per questioni private via messenger ma solo via e-mail all’indirizzo giovanni.neri@unibo.it. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail.
 
Blogposts translations are available!
 Apology:  in some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
Website Translation Widget
With Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
Please read the post comments activating the radiobutton “commenti”on the left of the post. Sometimes they are even more interesting than  the post itself!!!
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!
PS I’d like to thank all people that provide comments to the posts using the option “lascia un commento” (or  “commenti” if some have been already inserted) which is provided on the left of the posts (or before the text in case of tablets). The debate is always interesting …. thanks (it is mandatory to leave name and surname – anonymous comments will not be published)!!
Standard

6 risposte a "Comunale again – Bologna 19 Luglio 2018"

  1. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    Da tempo ormai il pubblico, diventato “cliente”, per abboccare deve comprare, perciò – secondo i “creativi” della comunicazione – essere emozionato. E ci si emoziona di più attraverso i “marchi” di cui abbiamo sentito parlare come di “eccellenze”.
    Insomma, si farà la fila per una borsa di Gucci da 2000 euro e se ne snobberà una da 200 perchè poco costosa e senza marchio anche se di fattura e qualità simili.
    Per emozionare – e quindi attirare – il futuro “cliente”, cosa di meglio del nome – conosciutissimo e politicamente correttissimo – di Toscanini?
    La cosa fa il paio con la deprecabile abitudine di esporre quadri di qualsivoglia epoca nel buio assoluto, su sfondi scurissimi e con strategici faretti – ben si sa quanto la frequenza della fonte luminosa cambi la nostra visione dei colori e delle forme… – puntati su quadri del ‘400 dipinti e pensati per la luce naturale, Diventano tutti Rembrandt o Caravaggio. Ma che emozione per il pubblico , si ritiene, cosa di più emozionante della lama di luce del conosciutissimo e sponsorizzatissimo Caravaggio?.
    Quindi avati così. Forse l’ ho già scritto e me ne scuso ma è una mia costante fonte di arrabbiatura. E fa il paio con “l’ operazione” Toscanini compositore: luetti per le allodole. “Ah, sì, Toscanini, quello dello schiaffo! Era antifascista: lo conosco, allora andiamo!”
    (Questa è l’ interpretazione più pietosa: temo però che quella proposta dal Professore – ignoranza assoluta – sia ugualmente plausibile. Se non di più… Da molti anni, per altro, una non periferica strada di Bologna è dedicata a Marco Polo “navigatore” … E’ un po’ che non ci passo ma temo che la targa sia ancora lì…)

    Mi piace

  2. Roberto Barilli ha detto:

    In giro si respira, non da ora certo, una malinconica deriva culturale che fortunatamente riserva delle felici eccezioni.
    Una di queste è proprio il Blog sul quale sto scrivendo.
    La faccenda dell’Ufficio Stampa mi ha ispirato questo commento e, a cascata, il solito grazie a Giovanni Neri per il suo presidio culturale. Non è poco.

    Mi piace

  3. Sandra Festi ha detto:

    Sulla inettitudine dell’ ufficio Stampa del teatro abbiamo una lunga lista di segnalazioni rese pubbliche e mai contestate.
    L’ esperienza mi dice che i responsabili non vogliono sentire. Tuttavia mi associo nel
    deprecare l’ ultimo scivolone.
    Sandra Festi.

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.