Recensioni, Sinfonica

Kochanovsky/Isserlis- Teatro Comunale Bologna 17 Maggio 2018

Non profit bannerSclerosi
Please notice that  the english version of the post is directly available after the italian’s. For a list of the previous posts of this blog click on the blue circle
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Al di là degli  .. Beyond 
aspetti oggettivamente istrioneschi del violoncellista inglese (la folta e ricciuta capigliatura grigia che incornicia completamente il volto, la gestualità che pare sostituirsi al direttore d’orchestra nelle pause del violoncello – quasi a indicare una insoddisfazione nella direzione) l’esecuzione del concerto di Elgar è stata di grande qualità. Un concerto molto diseguale che rende conto del suo moderato successo e delle sue esecuzioni rarefatte. Bellissima la parte iniziale elegiaca, molto più corriva e convenzionale la seconda parte più brillante. In ogni caso Isserlis ha fornito una prova di grande qualità, con una tecnica superlativa e con una tavolozza di colori estratta dallo strumento in grado di compensare in parte la scadente qualità della partitura.  A riprova del possibile conflitto con il direttore, tutte le sue uscite sono state da solo (diversamente dalla prassi ormai consolidata di una seconda uscita con il direttore) nel corso delle quali ha eseguito tre bis in tono con la sua indole esuberantemente istrionica. La direzione di Kochanovsky non è però apparsa in ogni modo così insufficiente. Il brano di Zemlinsky (quasi un poema sinfonico a soggetto) è stato eseguito dall’orchestra del teatro in modo più che sufficiente, con alcune parti solistiche di eccellenza. Un brano discutibile sul piano dello stile (a mezza via fra ‘800 e ‘900) e quindi di non facile resa. La direzione di Kochanovsky, senza necessariamente eccellere, è risultata di buona qualità. Buon successo di pubblico soprattutto per la parte con il violoncello.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. Da tempo ho  rimosso il mio profilo su  facebook: non posso quindi essere contattato per questioni private via messenger ma solo via e-mail all’indirizzo giovanni.neri@unibo.it.
PPS La gestione di un blog è operazione complessa e talvolta faticosa. Molti dei miei lettori leggono il blog senza registrarsi. Chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) e che può essere facilmente fatta “clikkando” sul riquadro “iscriviti” in basso a destra di ogni post o in quello nero sopra ogni postGrazie anticipatamente.

the objectively out of usual aspects of the English cellist (the thick and curly gray hair that completely frames the face, the gestures that seem to replace the conductor in the pauses of the cello – almost to indicate a dissatisfaction in the direction) the performance of Elgar’s concert was of great quality. A very uneven concert which justifies its moderate success and its rare executions. Beautiful the initial, elegiac part, much more coarse and conventional the second more brilliant part. In any case Isserlis has provided a high quality performance, with a superlative technique and a palette of colors extracted from the instrument able to compensate in part the poor quality of the score. To prove the possible conflict with the director, all his exits were on his own (unlike the practice now consolidated of a second exit with the director) during which he performed three bis according to  his exuberantly histrionic character. The direction of Kochanovsky did not appear in any way so insufficient. The piece by Zemlinsky (almost a symphonic poem) was performed by the orchestra of the theatre in a more than sufficient way, with some solo parts of excellence. A fairly questionable piece  as far as the style is concerned (half way between eighteen and nineteen centuries) and therefore not easy to perform. The direction of Kochanovsky, without necessarily excelling, was of good quality. Good public success especially for the part with the cello.
PS A “blogger” is not an oracle and inevitably makes errors (the minimum possible..). I often receive “corrections” not always fundamental and not always accurate. Just as I submit myself to the judgement of others with the name and surname so those who want to have the goodness to report errors or inaccuracies will have to do so only by sending a comment: everyone has their own responsibility. Since long time I have removed my profile on Facebook and therefore I cannot be contacted for private issues via messenger but only by email at giovanni.neri@unibo.it.
PPS The management of a blog is a complex and sometimes tiring operation. Many of my readers read the blog without registering. I would kindly ask them for the registration (which does not involve anything) which can be easily made by “clicking” on the “iscriviti” box at the bottom right of each post or in the black one above each post. Thanks in advance.
Programma:
EDWARD ELGAR Concerto per violoncello e orchestra in Mi minore op. 85
ALEXANDER ZEMLINSKY Die Seejungfrau (La sirenetta), fantasia per orchestra
Blogposts translations are available!
Apology:  in some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
Website Translation Widget
With Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
Please read the post comments activating the radiobutton “commenti”on the left of the post. Sometimes they are even more interesting than  the post itself!!!
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!
PS I’d like to thank all people that provide comments to the posts using the option “lascia un commento” (or  “commenti” if some have been already inserted) which is provided on the left of the posts (or before the text in case of tablets). The debate is always interesting …. thanks (it is mandatory to leave name and surname – anonymous comments will not be published)!!
Standard

Una risposta a "Kochanovsky/Isserlis- Teatro Comunale Bologna 17 Maggio 2018"

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...