Cameristica, Recensioni

Dmitry Shishkin – Bologna Festival 9 Maggio 2018


Non profit banner
Sclerosi
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Avere dipanato la massa informe,
caotica e raramente per questo eseguita della sonata di Čajkovskij é di per sé titolo di merito ma non é questa l‘unica nota positiva del giovane pianista russo. A differenza del „macellaio“ Matsuev qui la tecnica (eccellente) è al servizio della musicalità come pilastro sul quale viene costruita l‘interpretazione dei brani. Molto buona l‘esecuzione della sonata di Čajkovskij (come già detto) nella quale gli stilemi tipici del compositore russo sono stati evidenziati quali fili conduttori del discorso musicale. Ma eccellente è stata anche l‘esecuzione della sonata di Skrjabin, dove la componente onirica (sempre presente) del compositore è stata resa con un ventaglio di sonorità in grado di valorizzarne le caratteristiche. Ovviamente eccellente l‘esecuzione degli Études-tableaux di Rachamninov. Ma…perché solo sette e non i canonici dodici studi visto che il minutaggio del concerto era carente (settantacinque minuti al posto degli ormai classici novanta)? Un giovane interprete non dovrebbe essere avaro (impari da Kissin!) e soprattutto dovrebbe compensare con più bis la scarsa durata del programma. Niente, invece. Due bis soltanto: il primo a me ignoto e il secondo un Walzer di Chopin postumo suonato a una velocità da pianola meccanica fuori giri. I Walzer chopiniani sono traditori e purtroppo – seppure eseguiti oggi raramente – pongono problemi interpretativi non secondari certamente non risolti da Shishkin. Un brutto finale di un buon concerto.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. Da tempo ho  rimosso il mio profilo su  facebook: non posso quindi essere contattato per questioni private via messenger ma solo via e-mail all’indirizzo giovanni.neri@unibo.it.
PPS La gestione di un blog è operazione complessa e talvolta faticosa. Molti dei miei lettori leggono il blog senza registrarsi. Chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) e che può essere facilmente fatta “clikkando” sul riquadro “iscriviti” in basso a destra di ogni post o in quello nero sopra ogni postGrazie anticipatamente.
To unravel the shapeless mass, chaotic and rarely for this reason performed Čajkovskij’s Sonata  is a title of merit but this is not the only positive note of the young Russian pianist. Unlike the “butcher” Matsuev here the technique (excellent) is at the service of the musicality as a pillar on which the interpretation is built. Very good performance of Čajkovskij’sSonata (as already mentioned) in which the typical elements of the Russian composer have been highlighted as conducting threads of musical discourse. But excellent was also the performance of the sonata of Scrjabin, where the dreaming component (always present) of the composer was implemented with a range of sounds able to enhance its characteristics. Obviously excellent the execution of the Études-tableaux of Rachamninov. But… because only seven and not the canonical twelve studies since the length of the concert was too short (seventy-five minutes instead of the now classic ninety)? A young interpreter should not be mean (learn from Kissin!) and above all should compensate the poor duration of the program with more encores. Nothing, though. Two bis only: the first unknown to me and the second a posthumous waltz of Chopin played at a speed of a mechanical piano out of control. Chopin’s waltzes are risky and unfortunately – albeit rarely performed today – pose non-minor interpretative problems certainly not solved by Shishkin. A bad ending of a good concert.
PS a “blogger” is not an oracle and inevitably makes errors (the minimum possible..). I often receive “corrections” not always fundamental and not always accurate. Just as I submit myself to the judgement of others with the name and surname so those who want to have the goodness to report errors or inaccuracies will have to do so only by sending a comment: Everyone has their own responsibility. Since long time I have removed my profile on Facebook: therefore I cannot be contacted for private issues via messenger but only by email at giovanni.neri@unibo.it.
PPS the management of a blog is complex operation and sometimes tiring. Many of my readers read the blog without registering. I would kindly ask them for the registration (which does not involve anything) and that can be easily made “clicking” on the “subscribe” box at the bottom right of each post or in the black one above each post. Thanks in advance.
Programma:
Alexander Skrjabin Sonate-fantaisie n.2 in sol diesis minore op.19
Pëtr Il’ič Čajkovskij Sonata n.2 in sol maggiore op.37 “Grande Sonate”
Sergej Rachmaninov  Études-tableaux op.39
Apology:  in some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
Blogposts translations are available!
Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!
Standard

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...