Cameristica, Recensioni

Mario Brunello – Musica Insieme Bologna 4 Dicembre 2017

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi
 Leggete anche il blog bertoldoblog.wordpress.co
Vale esattamente quanto già scritto il 6 Febbraio 2107
Molto spesso nel corso dei concerti e delle opere alcuni sventurati accendono il telefonino nel corso delle esecuzioni. Non sempre trillano le suonerie ma la luce emessa è estremamente fastidiosa ed è da dubitare che i messaggi email da leggere siano quelli di Trump che chiede consiglio se sganciare l’atomica sulla Corea del Nord. Sarebbe quindi indispensabile che nelle avvertenze che precedono ogni spettacolo, nelle quali si ricorda di spegnere le suonerie, venisse anche richiesto di non accendere i diabolici dispositivi per alcun motivo. 
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità.
PPS La gestione di un blog è operazione complessa e talvolta faticosa. Molti dei miei lettori leggono il blog senza registrarsi. Chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) e che può essere facilmente fatta “clikkando” sul riquadro “iscriviti” in basso a destra di ogni post o in quello nero sopra ogni post.Grazie anticipatamente. Se vi siete già iscritti al blog Bertoldo per favore re-iscrivetevi anche a  questo.
Programma
Johann Sebastian Bach   Suite n. 2 in re minore BWV 1008, Sonata n. 3 in do maggiore BWV 1005, Partita n. 1 in si minore BWV 1002, Suite n. 6 in re maggiore BWV 1012
 

Apology:  i
n some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
Blogposts translations are available!
Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Standard

6 thoughts on “Mario Brunello – Musica Insieme Bologna 4 Dicembre 2017

  1. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    Diciamo che era di carattere “sociologico” e riguardava appunto il suo post sui cellulari sempre e dovunque attivi. A giudicare da quanto si vede dovunque e da parte di chiunque, anziani/e compresi, tutti hanno quanto meno decine (centinaia?) di conoscenti con cui connettersi e chiacchierare, molto spesso del nulla. Con grande disappunto di chi, come me, si sente alquanto a disagio ad essere costretta, ad ascoltare i fatti privati – litigi compresi – di chiunque incontri sul proprio cammino. E ormai non ci si salva neppure in biblioteca, all’ ospedale – i medici hanno in mano più il cellulare dello stetoscopio – in chiesa o al cimitero.
    Il cellulare funziona esattamente come un braccialetto elettronico ( sempre e comunque siamo raggiungibili e tracciabili) con per di più il fatto di farci sentire in colpa se non rispondiamo e costretti a scusarci magari con una bugia e di pagarlo anche caro.
    Io lo tengo quasi sempre spento ed è tutto un “come mai non hai risposto, ecc… ecc…”. E’ diventato ormai un obbligo essere sempre e dovunque reperibili, anche ai concerti, a quanto pare.
    Insista, Professore, ma temo sia una battaglia persa. Ormai ce lo hanno anche i bambini all’ asilo ( nel caso si imbattano in un pedofilo…)
    E’ il classico caso di bisogno indotto.

    Mi piace

  2. Stefano ha detto:

    Colgo l’occasione della domanda su Spira
    Mirabilis , per commentare l’ osservazione di Kurvenal, sul fatto che se la conosci, la eviti.
    Ebbene, devo dire che non è stato dal tutto inutile, assistere alla esecuzione della prima di Brahms da parte di questa compagine ( definirla orchestra è un po’ esagerato).
    In quanto mi ha permesso di capire quanto sia difficile eseguire una sinfonia di Brahms, da punto di vista tecnico, per gli orchestrali,
    e quanto sia importante la funzione del maestro concertatore. Forse, qualora si disponga di un ottimo maestro concertatore, si può giungere anche a una buona esecuzione, anche senza un direttore sul podio. Ma così non è stato; anzi, penso che non sia possibile ascoltare , al momento attuale , una prima di Brahms peggio di quella ascoltata da Spira Mirabilis. Naturalmente è una opinione personale, ho sentito anche giudizi positivi, e spero che qualcuno del pubblico dica la sua sul blog.

    Mi piace

  3. Maddalena Fiorio ha detto:

    Purtroppo io il 17 febbraio non conoscevo il suo blog.Mi dispiace molto perché i suoi interventi sono sempre preziosi.Avrei anche voluto sentire il suo parere sul concerto di Spira Mirabilis (Musica Insieme 27 novembre).Maddalena Fiorio

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...