Commenti, Operistica

Stagione d’opera – Teatro comunale Bologna 12 Settembre 2017

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Leggete anche il blog bertoldoblog.wordpress.com

Difficile fare un commento positivo sulla stagione d’opera 2018 proposta dal teatro comunale. Abbondano i titoli riproposti costantemente (strizzando quindi l’occhio a quel pubblico conservatore che la direzione ritiene sia la garanzia della continuità degli abbonamenti). Chi troviamo? Bellini, Donizetti, Verdi, Puccini, Mozart… Neppure un titolo wagneriano (con tutta la tradizione bolognese) e nessun autore – non necessariamente senza senso come quello di “Qui non c’è perché” –  ma un po’ meno consueto? Un Weber, ad esempio – da quanti anni non viene rappresentato il Freischutz oppure l’Oberon? – , oppure un Berlioz – La damnation de Faust Le Troyens – o un Saint Saens – Sanson e Dalila – – un Händel, un Berg… Niente di tutto questo. E i titoli degli autori consueti sono i più consueti: Don Carlo, Don Giovanni, Bohème etc. Nulla da ridire sulla qualità di queste opere ma il senso di noia a riascoltarle sempre è inevitabile. Naturalmente per variare il programma servirebbero persone all’altezza della situazione che sapessero proporre una combinazione di titoli “sicuri” con altri, magari degli stessi autori, ma meno rappresentati, eventualmente mutuando le scenografie da altri teatri per risparmiare. Niente di tutto questo. Un cartellone che al confronto con altri teatri d’opera (non cito La Scala – stratosferico – , ma il Regio di Torino, La Fenice di Venezia etc.) fa veramente la figura della cenerentola, senza la fatina che nel finale salva il risultato. Nulla di nuovo e non previsto ma possibile che non capiti mai di essere positivamente sorpresi?
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità.
PPS La gestione di un blog è operazione complessa e talvolta faticosa. Molti dei miei lettori leggono il blog senza registrarsi. Chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) e che può essere facilmente fatta “clikkando” sul riquadro “iscriviti” in basso a destra di ogni post o in quello nero sopra ogni post. Se vi siete già iscritti al blog Bertoldo per favore re-iscrivetevi amche a  questo. Grazie anticipatamente.

Apology:  i
n some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
Blogposts translations are available!
Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Standard

6 thoughts on “Stagione d’opera – Teatro comunale Bologna 12 Settembre 2017

  1. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    Gentile signora Fiorio, la mia era una boutade. Osservando spesso la platea dei teatri, noto per lo più teste canute. Nulla di disdicevole: se non mi tingessi i capelli sarei canuta anch’ io. Oltre a queste, alcune silenti altre continuamente chiacchieranti, noto signore accompagnate da figlioli ormai ampiamente “svezzati” – e per nulla recalcitranti, anzi – che si comportano come se ne fossero i mariti.
    Nulla di disdicevole, anzi, è una bella famiglia unita.
    Peccato che i “giovani” siano un’ altra cosa: con cartelloni come questo non c’è molto da sperare…

    Mi piace

  2. Fausto Martelli ha detto:

    Buongiorno Giovanni,

    mi permetto il tono confidenziale perché ci siamo conosciuti dall’amico comune Francesco.

    Non sarei così pessimista sul cartellone del Comunale.

    Non riesco a considerare un titolo consueto il Verdi di Don Carlo e meno che meno il Simon Boccanegra, capolavoro praticamente riscoperto da Abbado.

    Veniamo alla modernità: prosegue dopo lo scorso anno Poulenc con un’autentica chicca come Les Dialogues. A mio parere questo titolo è sufficiente

    a rendere interessante un cartellone. Idem per il noto Don Giovanni in quanto diretto da uno dei più bravi Direttori moderni che presto ci lascerà

    Anche i balletti, programmati per abbassare i costi medi di produzione, sono tutt’altro che banali: Stravinskij e Xenakis Non si tratta della solita Coppelia…

    Personalmente non sento la mancanza dell’Oberon ma mi rendo conto che mettere in scena Wagner ha problemi e costi che non possiamo permetterci:

    oltrtetutto dobbiamo fare i conti con il pubblico. La Scala era semideserta con i favolosi Maestri Cantori a primavera…

    Bologna non può oggi paragonarsi a Venezia o Torino ed è costretta a tenere d’occhio anche l’incasso. Più facile riempire la sala con Bohème che con Lulu…

    sperando che Wick non ci sbalordisca troppo.

    Poi i titoli non bastano. Su interpreti e regie si vedrà, ma per ora giudico il complesso delle proposte stimolante.

    Ciao.

    Fausto

    Mi piace

  3. Maddalena Fiorio ha detto:

    Ho notato che spesso la signora Marcucci allude a mamme (bionde?!) che obbligano recalcitranti e disinteressati figli ad andare a concerti e opere. Non vedo il nesso con la modestia della stagione d’opera del Comunale segnalata dal prof. Neri.Maddalena Fiorio

    Mi piace

  4. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    Purtroppo un tale cartellone ci indica impietosamente che siamo ancora fermi a Callas versus Tebaldi e Di Stefano versus Del Monaco ( e pensare che c’ era in giro un certo Luigi Alva a cantare Mozart…).
    Di giovani nessuna traccia. A parte gli sparuti, eterni single a teatro assieme ad una
    orgogliosa e bionda mammà …

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...