Operistica, Recensioni

Die Meistersinger von Nürnberg – La Scala 16 Marzo 2017

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Leggete anche il blog bertoldoblog.wordpress.com

E’ proprio il caso di dire: finalmente! Va in scena, dopo ben 27 anni, alla Scala l’unica opera non drammatica di Richard Wagner, un capolavoro assoluto, nella splendida produzione della Opernhaus di Zurigo con la regia di Harry Kupfer! Un esempio che tutti i registi “creativi” che infestano i teatri d’opera (a partire dallo sventurato che ha messo in scena l’ “Entführung aus dem Serail” bolognese)  dovrebbero studiare per capire come sia possibile trasportare in un contesto moderno un’opera pensata per un alto medioevo tedesco e con un’orchestra di levatura internazionale all’altezza della situazione (finalmente!). La scena è strutturata su una piattaforma girevole con impalcature luccicanti sulle quali si assiepano, volta a volta, gli abitanti di Norimberga e i protagonisti dell’opera.

Il tutto con un sfondo di cattedrale gotica diroccata che – pur non essendo norimberghese – ricorda molto la Gedächtniskirche di Berlino. Le varie angolature della piattaforma permettono di trasformarla volta a volta nella sala dei Mastersinger, nella bottega di Hans Sachs, nella piazza della città per la kermesse finale. Nella quale sono inseriti in modo spiritoso carri mascherati e giganti di cartapesta che ricordano molto quelli del Living Theatre. Tutti i personaggi sono credibili e perfettamente inseriti nel contesto scenografico. Inutile dire che una parte significativa la gioca Beckmesser che per la complessione fisica e la mimica riesce perfettamente a esprimere il carattere buffonesco che Wagner gli assegna. Una grandissima regia con un cast quasi stellare. Ma prima di tutto va segnalata la prova maiuscola dell’orchestra e del direttore Gatti (a lungo giustamente applaudito) che ha scelto perfettamente i tempi esecutivi evitando quegli allungamenti di tempo che caratterizzano il suo Parsifal di Bayreuth.
Ma sono tutti i cantanti che vanno lodati e in primo luogo (oltre al Beckmesser di Markus Werba) l’Hans Sachs di Michael Volle che da solo regge tutto l’impianto musicale dell’opera. Leggermente deludente è solo la prova di Michael Schade nel ruolo di Walther von Stolzing. L’avevamo ammirato in un concerto liederistico avente in programma la Schöne Müllerin di Schubert (http://wp.me/p5m12m-BT) mentre nel ruolo protagonistico dei Maestri Cantori non riesce ad esprimere tutto il suo potenziale, risultando la voce talvolta sforzata. Ma – sia chiaro – sempre in un livello di eccellenza.
Jaquelyn Wagner è una Eva convincente, pur in una parte che non le lascia grande spazio. Altrettanto convincente è il Pogner di Albert Dohmen, ma tutti i cantanti sono comunque di assoluta eccellenza. Uno spettacolo, insomma, di assoluta qualità all’altezza dei migliori della Scala. Va purtroppo segnalato lo scarso pubblico (un terzo della platea era vuoto) che dimostra ancora una volta – se mai ce ne fosse bisogno – che le grandi opere Wagneriane non trovano ancora (dopo quasi 130 anni) quella rispondenza che meriterebbero e che denotano un certo provincialismo di cui non si riesce a liberarsi
PS La gestione di un blog è operazione complessa e talvolta faticosa. Molti dei miei lettori leggono il blog senza registrarsi. Chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) che  può essere facilmente fatta “clikkando” sul riquadro “iscriviti” in basso a destra di ogni post e che permette di ricevere un messaggio email ogni post pubblicato. Grazie anticipatamente.
HappyHappy
Direttore
Daniele Gatti
Regia
Harry Kupfer
Scene
Hans Schavernoch
Costumi
Yan Tax
Lighting Designer
Jürgen Hoffmann
Coreografia
Derek Gimpel
Video Designer
Thomas Reimer
CAST
Eva
Jaquelyn Wagner
Magdalene
Anna Lapkovskaja
Hans Sachs
Michael Volle
Sixtus Beckmesser
Markus Werba
Stolzing
Michael Schade
David
Peter Sonn
Pogner
Albert Dohmen
Kothner
Detlef Roth
Hans Foltz
Miklos Sebestyen
Der Nachtwächter
Wilhelm Schwinghammer
Hans Schwarz
Dennis Wilgenhof
Hermann Ortel
James Platt
Konrad Nachtigal
Davide Fersini
Balthazar Zorn
Markus Petsch
Kunz Vogelgesang
Iurie Ciobanu
Augustin Moser
Stefan Heibach
Ulrich Eisslinger
Neal Cooper
Die Lehrbuben
Oreste Cosimo
Aleksander Rewinski
Jungyun Kim
Geremy Schuetz
Francesco Castoro
Santiago Sanchez
Omer Kobilja
Katrin Heles
Alice Hoffmann
Dorothea Spilger
Franziska Weber
Sofiya Almazova
Mareike Jankowski
Apology:  in some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
Blogposts translations are available!
Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Standard

4 thoughts on “Die Meistersinger von Nürnberg – La Scala 16 Marzo 2017

  1. Stefano Longoni ha detto:

    Ho assistito ieri 19 marzo 2017 alla rappresentazione pomeridiana. Anche in questo caso i posti vuoti in platea erano numerosi.
    Il tenore Schade è stato sostituito da Erin Caves.
    Lo spettacolo è stato coinvolgente, cinque ore e mezza passate in un’attimo nella meraviglia della musica interpretata dal direttore Gatti con piglio sicuro, talvolta il volume copriva addirittura alcune parti non a piena voce. Non esprimo giudizi di merito, non essedo competente in materia, solo trasferire l’incanto dell’esperienza, del luogo e, sopra tutto, della musica di Wagner, che finora avevo sentito solo da registrazioni

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...