Commenti

La turrita ai Pooh etc.- Bologna 30 Dicembre 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Leggete anche il blog bertoldoblog.wordpress.com

Per avere un’idea di come siamo diventati lo zimbello musicale d’Italia, dopo l’ “affaire” Bosso, leggo dalla mia lontana Australia che verrà consegnata la turrita d’oro ai Pooh per i 50 anni di carriera, un riconoscimento che dovrebbe essere assegnato dal comune solo a chi ha onorato la città con riconosciuti ed eccezionali meriti culturali. I Pooh???? La nostra  città è diventata la capitale del nazional-popolare e si aspetta solo che il teatro comunale dedichi loro una stagione alla stregua della sinfonica o dell’operistica. Sia chiaro, “tout se tient” se si considera il Nobel a Dylan o le ore dedicate dai telegiornali alla morte di George Michael. Se morisse Maurizio Pollini (lunga vita al grande maestro!) ne sarebbe data notizia solo nella coda del telegiornale delle 3 di notte (e forse neppure..). Ma un ulteriore segnale del ridicolo viene dalla risposta dell’assessore Gambarelli all’interrogazione del consigliere Bugani in merito alla recita saltata del Werther. Solo una massa di dilettanti può non essere in grado di trovare in tempo un sostituto (e non averlo previsto!!!) ed è esilarante notare che nella risposta dell’assessore si scopre che è anche esperta di opera definendo la prestazione di Mariotti di “qualità estrema, eccezionale, eccelsa”. Ma era presente, visto che brilla notoriamente per la sua assenza, e quali sono i suoi termini di paragone? E cosa c’entra con il merito dell’interrogazione? E come fa ad asserire che la “defaillance” di un cantante è evento assolutamente eccezionale visto che succede in tutto il mondo a partire dalla famosa rinuncia della Callas che lanciò Anita Cerquetti (e in tal caso la sostituzione avvenne in tempo reale)? Dopo Ronchi e la meteora Conte siamo finiti .. nella brace. Assessore e sovrintendente: Dio li fa poi li accompagna! Forse ha ragione un mio conoscente che ha suggerito che come prossimo sovrintendente del teatro sia nominata Orietta Berti che con il suo buon senso emiliano saprà far meglio del compositore Sani….
SadSadSad
Apology:  in some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
Blogposts translations are available!
Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Standard

One thought on “La turrita ai Pooh etc.- Bologna 30 Dicembre 2016

  1. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    E’ da un pezzo che Bologna è messa così. Basta fare un giretto per il centro – e non solo! – degrado ovunque. Ed il degrado porta degrado, fisicamente e intellettualmente parlando. Il Medioevo prossimo venturo: mendicanti, saltimbanchi ( pardon, artisti di strada), “mercatini” improvvisati ( ed illegali), urina e portici
    insozzati ovunque.

    Quanto ai Pooh, che dire… ha già detto tutto Lei.
    Per quanto riguarda Bob Dylan non sono d’ accordo: i testi sono assai spesso vere e proprie grandi poesie ( alla Dylan Thomas, per intenderci) e la musica “leggera” non è più stata la stessa dopo di lui ( se penso che hanno premiato Fo e tanti altri…)
    Tutta un’ altra cosa rispetto ai… Pooh, comunque, se non altro per impatto mondiale.

    Come si sa i coccodrilli (George Michael) sono una buona distrazione per il popolo da ben altri affari ( e gratis!); l’ occasione per riempire giornali e palinsesti e per grattare il fondo della vendita di CD.
    Dopo morti tutti diventano santi e fenomeni ( che ne dice di abolire dal vocabolario il termine “solare”)?

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...