Recensioni, Sinfonica

Argerich Nagy Manchester Camerata – Bologna Festival 6 Aprile 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi
Difficile dire se si può parlare male di Garibaldi ma ormai del primo concerto di Beethoven suonato dalla Argerich (che ormai si dedica principalmente alla musica da camera e da moltissimi anni non tiene più un concerto solistico) abbiamo fatto il pieno e francamente non si sentiva la necessità di un’ulteriore ripetizione. La grande Martha suona benissimo ma la ossessiva ripetizione dello stesso programma fa nascere dei dubbi e forse richiedere un cambiamento (che so? un V concerto, un concerto di Chopin…) rispetto al I e II di Beethoven, al concerto di Ravel e poco altro sarebbe chiedere troppo? O gli organizzatori sopraffatti dal timore reverenziale verso l’icona del pianismo mondiale, campionessa di rinunce all’ultimo momento, non si attentano convinti che comunque il solo nome sia sufficiente a fare felici gli abbonati? Personalmente mi dichiaro insoddisfatto. E non credo neppure che valga l’ipotesi di problemi di memoria. A parte che ci sono stati (Richter) e ci sono (Pogorelich, Zimerman) grandi artisti che si sono avvalsi e si avvalgono dello spartito che dire del coetaneo Barenboim che in repertorio a memoria ha decine di concerti? E Sokolov etc.? Veniamo al concerto. L’orchestra è quella che è: una formazione come tante che certamente non risulterà negli annali del Bologna Festival e con alcune sezioni deboli, come quella degli ottoni e segnatamente dei corni che denunciano preoccupanti incertezze nell’adagio della prima sinfonia mozartiana. L’esecuzione della Jupiter è accettabile con un buon finale che riscatta in parte l’esecuzione scialba degli altri tempi. L’esecuzione della Argerich del concerto beethoveniano è impeccabile (probabilmente sarà la trecentesima volta e più che l’esegue) con un fraseggio sapiente e una tecnica che di certo non fa presagire l’età della pianista. Forse leggermente discutibile è il tempo staccato nel finale, eccessivo al limite del virtuosismo fine a sé stesso che finisce per deprimere il significato musicale del brano. Come unico (unico come al solito) bis viene eseguita la celebre toccata scarlattiana (quella delle note ribattute – per intenderci – che potrebbe essere rinominata “il trionfo del doppio scappamento”), un cavallo di battaglia della pianista argentina dagli anni ’60 (ce n’è una registrazione anche su youtube) che era già stata un cavallo di battaglia di Horowitz. Un’esecuzione tecnicamente strabiliante anche se molto discutibile sul piano stilistico, visto che la composizione era stata prevista per il clavicembalo, uno strumento che di certo non permetteva la stessa velocità, neppure da lontano. Un eccellente (ma non strepitoso) successo di pubblico.

Happy

  Programma
Wolfgang Amadeus Mozart Sinfonia n.1  in mi bemolle maggiore K.16
 Ludwig van Beethoven Concerto n.1  in do maggiore op.15
 Wolfgang Amadeus Mozart Sinfonia n.41  in do maggiore  K.551 “Jupiter”
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è gradito lasciare nome e cognome)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Standard

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...