Cameristica, Recensioni

Giuseppe Andaloro – S.Cristina 15 Dicembre 2015

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi
La “manifestazione” inizia con buoni 7 minuti di ritardo (alla faccia degli spettatori che educatamente sono arrivati in orario!) e per 15 minuti viene ammannito il solito pistolotto inutile, noioso, autoreferenziale, prolisso da parte di un compiaciuto relatore che evidentemente non ha il polso dell’uditorio che manifesta ben evidenti segni di insofferenza. (Forse gli servirebbe un corso universitario a 300 studenti per capire di cosa parlo: se l’uditorio si annoia sono grossi guai e mal ne incoglie a chi non comprende immediatamente la situazione!). Ma qualcuno riesce a immaginarsi una cosa simile al quartetto di Milano, alla salle Pleyel di Parigi, al Musikverein di Vienna, alla Wigmore hall di Londra o alla Philharmonie di Berlino? Solo nella provinciale Bologna i poveri spettatori subiscono regolarmente una sorta di punizione preliminare per colpe che non hanno commesso. Il programma presentato dall’esecutore è un pot-pourri quale non si vedeva da tempo, una sequenza di brani fra loro del tutto scorrelati che forse poteva essere accettabile agli inizi del ‘900 ma che oggi fa rabbrividire, Si passa da Frescobaldi direttamente a Chopin, poi a Brahms per ritornare al ‘600 con Merula e Trabaci per compiere poi un salto nella fine dell’800 con Skrjabin per ritornare (questa poi!) di nuovo a Chopin!!! Con tanti saluti a 50 anni di programmi intelligenti e ben costruiti filologicamente. Il pianismo di Andaloro può essere assimilato a quello di chefs di seconda categoria che con la panna cercano di nascondere la scarsa qualità dei loro piatti. Qui il legante è il pedale ammannito a dosi massicce insieme ai ff che dominano tutte le esecuzioni (a S.Cristina, con quel riverbero pazzesco!) unitamente a una ricerca spasmodica della velocità a tutto scapito della musicalità. E naturalmente ne scapita anche la precisione: ad esempio nel primo scherzo di Chopin su otto ripetizioni della progressione che lo caratterizza ben cinque sono terminate con una nota falsa superiore! A che scopo? E che dire dello scherzo Brahmsiano dove è risultata del tutto assente quella vena di atmosfera magica, ammiccante e allusiva (la stessa della quasi coeva terza ballata) che lo contraddistingue? Naturalmente il “vers la flamme” di Skrjabin (un brano che sta vivendo un revival che andrebbe analizzato) ha subito lo stesso trattamento. Forse il brano riuscito meno peggio è stato la quarta ballata di Chopin nella quale però il drammatico finale ha perso tutto il suo significato musicale sommerso da una gragnuola di suoni eseguiti a tutto gas senza alcun tentativo di interpretazione. Non so nulla dei bis: sono uscito prima della loro esecuzione. Qualcuno si immagina perché?
 Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).

Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 

 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è gradito lasciare nome e cognome)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Standard

4 thoughts on “Giuseppe Andaloro – S.Cristina 15 Dicembre 2015

  1. Stefano ha detto:

    Egregio Kurvenal , essendo un suo fedele lettore da tempo, ho letto che anche al concerto di Andaloro, (al quale non ho assistito perché non vado in Santa Cristina per principio, non sopportandone l’acustica), lei ha bacchettato l’organizzazione per il solito ritardo nell ‘inizio del concerto. Vizio italico, quello del ritardo, e che lei fa bene a stigmatizzare. Ma non tutto il male viene per nuocere : numerose persone , tra cui il sottoscritto, lavorano fino a tardi, abitano in periferia, o addirittura in comuni distanti anche 30 km dai teatri. A tutti è capitato, prima o poi, frequentando con assiduità i concerti, di avere un inconveniente, un contrattempo, incappare in un ingorgo del traffico, e di riuscire a entrare in sala proprio in virtù del lieve ritardo. Concludo: bella la puntualità, ma aspettare 5-7 minuti seduti non è poi così irritante, e personalmente sono lieto dare la possibilità a quei pochi appassionati ritardatari di non perdere concerti interessanti. So che non cambierà la sua opinione in merito, ma mi sento di dire la mia con convinzione maturata in 45 anni di frequentazione.

    Mi piace

    • Basterebbe allora ritardare il concerto di 30 minuti. In tutte le sale da concerto serie gli orari sono rispettati scrupolosamente per rispetto di spettatori e interpreti. Mi spiace, ma sono in totale disaccordo con lei. Grazie comunque per essere un lettore di kurvenal.

      Mi piace

      • Stefano ha detto:

        Magari iniziasse mezz’ora dopo! Quando Bologna era una città più sicura e i biassanot erano una istituzione, i concerti iniziavano alle 21 , ed era più facile liberarsi da impegni , per quell’ora. E L opera , se non ricordo male. , iniziava alle 20,30.

        Mi piace

        • Ma quasi ovunque gli spettacoli iniziano alle 20.30 e in molti casi alle 20. La ragione è che la gente deve riuscire a prendere i mezzi pubblici e arrivare a casa a un’ora decente. Io sarei per un inizio sempre alle 20….

          Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...