Commenti, Operistica

Opera a Kyoto – 13 Luglio 2015

Non profit bannerNon profit bannerSclerosiScorrazzando sul sito https://www.facebook.com/diamovaloreallacultura e  da qui su altri siti musicali scopro (http://the-japan-news.com/news/article/0002126692) che il 17 e 19 Settembre a Kyoto vengono rappresentati i Pagliacci di Leoncavallo con una noted Italian opera company (da quando in qua di un’orchestra non si indica il nome quasi fosse un segreto?) e la direzione di Hirofumi Yoshida – lo sventurato direttore di Butterfly – che è direttore artistico della Filarmonica del teatro comunale (nella foto del 14 Maggio sul sito giapponese sopracitato il castello di Himeji, il direttore e altri protagonisti).
Pagliacci 2Ed ecco una scenografia (molto suggestiva) con lo sfondo del castello e la platea:
Pagliacci
Non può che trattarsi dell’orchestra Filarmonica del teatro comunale (non l’orchestra del teatro comunale).   Strano: avevo capito – evidentemente erroneamente – dalle conversazioni avute con il precedente sovrintendente Ernani che la Filarmonica non potesse eseguire opere (qualcuno può solo immaginare che una cosa simile capiti alla Scala?), ma forse sono cambiate oppure più semplicemente sono diverse le regole. Sarebbe bene però che il sovrintendente Sani e tutto il consiglio di indirizzo a partire dal suo presidente Merola spiegassero la cosa all’ignaro e stupefatto pubblico (ai quidam de populo insomma!) di cui faccio parte. In ogni caso la cosa sarebbe curiosa: due orchestre d’opera formate sostanzialmente dagli stessi strumentisti in una città di 350.000 abitanti e un solo teatro d’opera assolutamente sottoutilizzato! E poi comunque un’opera all’estero proprio quando il cartellone locale del teatro piange e l’EXPO è in piena stagione? Il teatro ci guadagna almeno qualcosa economicamente? Mah, miracoli organizzativi del management del teatro che forse dovrebbe affrontare in modo serio e definitivo l’intricata e irrisolta questione Filarmonica,  la gestione del Manzoni (e il relativo affitto!) etc.

SadSad

 Blogposts translations are now available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate”. With MAC or iPAD insert in the box “touch to type” the address kurvenal.wordpress.com and then activate “traduci” or “translate”: the last inserted post is (very badly unfortunately…) automatically translated.
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è gradito lasciare nome e cognome)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Standard

One thought on “Opera a Kyoto – 13 Luglio 2015

  1. Gianstefano Folli ha detto:

    Interessante post, illustre Professore. Spero che in settembre Le riesca di pubblicare qualche fotografia del risultato scenografico che qui vediamo elaborato in Computer Grafica. Per verificare che distanza c è fra il dire e il fare! Questi rendering servono per incantare i finanziatori…se poi il risultato è misero si potranno accampare un sacco di scuse. Come l abitudine, da Lei citata, della nostra opaca stampa bolognese che lancia un evento ma poi si astiene dal commentarlo criticamente. Quando si pagano migliaia e migliaia di euro certi articoli redazionali…troverete nello stesso quotidiano un “articolesse” che esalta un certo evento. E nel caso lo recensisca, pensa proprio il lettore che sia un contributo critico? No! O sparge incenso o lascia perdere!
    Per l altro tema che tratta…a Bologna e dintorni ci sono tante iniziative musicali alla sera spesso associate al gastronomico… quindi non pretenderà mica di ascoltare musica proposta dal Comunale di Bologna. Che intanto l orchestra e il coro devono suonare e csntare a Pesaro, al Rof, che fa tanto prestigio… SI taccia di qualche recensione recente tutt’ altro che positiva, però!
    Dal programma del Teatro mi pare di capire che dal 18 LUGLIO al 6 OTTOBRE, musica non se ne faccia!!! Com è possibile che il Comunale “sparisca” per SETTANTOTTO GIORNI?
    Ossequi!

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...