Recensioni, Sinfonica

Orpheus Chamber Orchestra Say – Bologna Grandi Interpreti 15 Aprile 2015

Sostenete Medici senza Frontiere e Save the Children!

Avevamo già avuto occasione di ascoltare a Bologna Fazil Say (niente a che vedere con “Il turco in Italia”..), infaticabile  (5 concerti in 5 giorni consecutivi in differenti città – v. http://fazilsay.com) poliedrico pianista, compositore e libero, laico pensatore (in una Turchia sempre più sprofondata nel fondamentalismo islamico – povero Mustafa Kemal Ataturk che forse si rivolta nella tomba! – è stato condannato con sentenza sospesa per un messaggio twitter)  e il giudizio non è cambiato. Si tratta di un pianista di buon livello, dalla tecnica non sempre immacolata (nel concerto di Mozart in la maggiore K.488 eseguito sono stati riscontrati almeno 4 episodi di note “diversamente intonate”) e dalle sonorità non sempre cristalline come il brano avrebbe richiesto. Siamo certamente lontani dai grandi interpreti mozartiani (Brendel, Pollini, Schiff) ma una figura non certo minore nel panorama pianistico internazionale, comunque degno del palcoscenico del Bologna Festival.  Come Pogorelich ha qualche problema di memoria (spartito sul piano) e forse non si trova completamente a proprio agio a dovere rinunciare totalmente al ruolo di Kapellmeister con l’Orpheus Chamber Orchestra che ha come sua caratteristica specifica quella di essere formazione senza direttore. Un bis con orchestra ancora Mozartiano.  L’Orpheus Chamber Orchestra è formazione di lunga tradizione e di buona/ottima qualità. Archi e strumentini eccellenti. Meno felice l’altra sezione di fiati e segnatamente i corni che hanno avuto qualche evidente incertezza di intonazione.  Ho già avuto modo di segnalare come il corno sia strumento maledettamente difficile (e per certi aspetti imprevedibile risentendo delle condizioni ambientali) ma questo non può costituire attenuante. L’esecuzione del wagneriano Siegfried-Idyll  (praticamente l’unica composizione sinfonica di Wagner ancor oggi eseguita anche se meno frequentemente del passato) dedicato alla moglie Cosima nel secondo anniversario del loro matrimonio, ha risentito di un inizio un po’ troppo lento ma poi ha ritrovato tutto lo spirito del compositore tedesco. Quanto alla Chamber Symphony op.62  (compositore prolifico!)  di Say il giudizio è un mixed feeling. Una composizione tonale fortemente caratterizzata dalle melodie popolari e dal folklore turco, con la presenza di ritmi dispari e spesso con lunghe ripetizioni dei ritmi di spirito apotropaico.  Non un capolavoro ma una composizione interessante, utile anche per meglio definire la personalità di Say. Ottima l’esecuzione finale della Sinfonia n.80 in re minore  di Haydn e due bis fra cui la trascinante ouverture de La cambiale di matrimonio di Rossini. Buon successo complessivo di pubblico.

Happy

PS Maleducazione. Nell’ultima fila del secondo settore  per tutto il concerto un anziano signore ha compulsato costantemente il proprio telefonino fino a quando una signora, giustamente esasperata, glielo ha fatto notare ottenendo come risposta “faccio quello che mi pare”. Al di là della maleducazione dell’atteggiamento e della risposta ci si chiede che significato possa avere presenziare a un concerto per non ascoltare una nota e disturbare, anche solo con la luce emessa,  coloro che invece al concerto sono interessati.  L’uso del telefonino è molto più comodo fuori dalla sala!!!  Nelle “avvertenze” che precedono il concerto oltre che chiedere di spegnere la suoneria dei cellulari dovrebbe essere indicato che essi dovrebbero essere spenti tout court, come avviene negli aerei.  Inutile dire che questo avviene quasi sempre all’estero nelle sale da concerto serie e che  eventuali trasgressioni sono immediatamente sanzionate dalle maschere chiedendo al disturbatore di spegnere immediatamente e financo  di lasciare la sala.
Blogposts translations are now available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate”. With MAC or iPAD insert in the box “touch to type” the address kurvenal.wordpress.com and then activate “traduci” or “translate”: the last inserted post is translated.
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è gradito lasciare nome e cognome)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Standard

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...