Cameristica, Recensioni

Giardini Matsunaga Chiocci Ippolito – Bologna Musica Insieme Ateneo 16 Aprile 2015

Non profit banner

Non profit banner

Sostieni Medici senza Frontiere
Dopo una introduzione nella quale il relatore ci ha sorprendentemente informato che Albione è l’attuale Inghilterra (forse dimenticando che il mascellone del bieco ventennio malediva la “perfida Albione” dopo le sanzioni imposte per la vile invasione dell’Etiopia) il quartetto in questione (violino, viola e due viole da gamba)  ha presentato un programma di tre autori distanti di 400 anni: Purcell, Locke e Nyman. Purtroppo i brani in questione rimossi dal loro contesto (per i due autori antichi la corte inglese) risultano troppo frammentari e, detto in modo molto piano, piuttosto noiosi, al di là della buona volontà degli esecutori. Essi venivano suonati in un ambiente che prevedeva danze, azioni sceniche etc. ovvero una concentrazione di arti che ne giustificavano il significato. Si pensi, in materia, all’Enea and Dido di Purcell e alle messe in scena che anche in tempi moderni ne hanno valorizzato il significato musicale. Uno stesso discorso vale per i due brani del compositore moderno (noto per le colonne musicali di pellicole di successo) Nyman che si rifa in chiave moderna a Purcell. A rendere ancor più faticoso l’ascolto si sono avute,  fra un brano e l’altro,  interminabili accordature – soprattutto delle viole da gamba – che io non ricordo, ad esempio, nei concerti di Jordi Savall. Una serata dimenticabile. 
Sad
Blogposts translations are now available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate”. With MAC or iPAD insert in the box “touch to type” the address kurvenal.wordpress.com and then activate “traduci” or “translate”: the last inserted post is translated.
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è gradito lasciare nome e cognome)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Standard

3 thoughts on “Giardini Matsunaga Chiocci Ippolito – Bologna Musica Insieme Ateneo 16 Aprile 2015

  1. Roberto Barilli ha detto:

    stimo moltissimo Domenico Mirri, grandissimo animatore della stagione concertistica di Imola, ma in questo caso trovo eccessivo un passaggio del suo commento, là dove si chiede perché mai i concerti di Musica in Ateneo presentino artisti sconosciuti ai più.
    Intanto osservo che questi concerti, del tutto gratuiti, costituiscono una bella offerta ai tanti studenti della nostra Università a cui sono istituzionalmente dedicati e poi anche che non sempre si possono avere artisti del calibro di Jordi Savall con i budget che passa il convento per questo tipo di manifestazioni.
    A proposito poi del grande Savall, pur non essendo il portavoce di Giovanni Neri (che non ne ha certo bisogno… 😄), osservo che il prof. l’aveva citato solamente a proposito dei tempi di accordatura dello strumento e non per confrontarlo con la qualità interpretativa della musica in relazione al quartetto in discorso.
    PS: per la cronaca, Jordi Savall sarà alla Chiesa di San Carlo a Modena la sera del prossimo 21 aprile…..

    Mi piace

  2. Domenico Mirri ha detto:

    Caro Gianni, quegli interpreti sono del tutto sconosciuti a tutto il mondo. Che senso ha che Musica Insieme li presenti? Quale obiettivo si propone? Con quali criteri vengono fatte queste scelte? A mio parere sarebbero tutte domande alle quali si dovrebbe dare una risposta. Che senso ha che tu debba andare ad ascoltare degli sconosciuti che nessuna persona appassionata di musica penserebbe mai di ascoltare. Come si fa a pensare di confrontarli con Savall anche solo per accordare lo strumento? Io non credo agli sconosciuti che a causa di un bieco destino sono tali. Se uno è bravo, in qualche modo si fa strada. Ci vediamo lunedì sera. Ciao, Domenico

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...