Uncategorized

Stadler -Valbonesi – 30 Marzo 2014


Un concerto (breve, molto breve, 9 brani in totale più un bis) di Lieder di Mahler e Strauss i due post-wagneriani più celebri. Valentina Stadler ha una bella presenza, una bella voce calda e piena da mezzosoprano con una intonazione sempre precisa, in grado di gestire senza problemi anche il registro acuto (a sua lode va ricordato che – a differenza di tanti altri esecutori – esegue i Lieder a memoria). La voce è da mezzosoprano drammatico che esprime il meglio nei Lieder più consoni alla sua vocalità (ad esempio nel bis “Die junge Nonne” di Schubert) mentre si trova invece meno a suo agio nei brani più intimistici (ad esempio in “Morgen” di Richard Strauss – nella sequenza dei Lieder del concerto avrei infatti inserito come ultimo “Heimliche Aufforderung”  o “Cäcilie” di Strauss). Una voce comunque che promette molto bene soprattutto in un repertorio operistico non belcantistico, con ampi margini di miglioramento che possono certamente essere raggiunti. Alla valutazione complessiva della prestazione sarebbe comunque giovata anche una minore staticità della persona che è apparsa un po’ rigida. E’ certo che trovare la giusta misura nella gestualità in un concerto di Lieder è impresa non facile ma pur nello spazio angusto riservato all’interprete è possibile individuare quel minimo di dinamica che deve accompagnare e sottolineare il significato del testo. L’accompagnamento del pianista Viller Valbonesi, corretto nell’esecuzione, ha ecceduto spesso in dinamica, sovrastando talvolta la voce: gli esecutori di concerti liederistici non dovrebbero dimenticare che la sala del Goethe-Zentrum è molto ridotta, con un’acustica non eccezionale e che quindi il coperchio del pianoforte dovrebbe essere solo socchiuso. Ad ogni buon conto un concerto interessante nel quale non sono mancati momenti di eccellenza.
(PS E’ del tutto ragionevole che per i testi ci si appoggi al sito  http://www.recmusic.org/lieder/ ma non ci si può limitare a un’operazione di “taglia e incolla” altrimenti si copiano anche le parentesi quadre e i numeri delle note a piè di pagina che ovviamente non rimandano a nulla!)
Standard

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.