Uncategorized

Herbert Schuch

Venerdì 17 Maggio: Herbert Schuch – Bologna festival – I grandi interpreti -. Peccato che abbia sbagliato il programma: inserire in sequenza le Geistervariationen di Schumann e le Bagatelle op. 119 di Beethoven ha avuto l’effetto di addormentare il pubblico che neppure si è accorto della fine delle variazioni. Schuch è un pianista di statura che prosegue la grande tradizione dei Brendel (di cui è stato allievo) e degli Schiff con un’interpetazione fortemente intimistica che nulla concede al virtuosismo (in modo anche eccessivo) talchè l’ntero programma (che terminava con gli improvvisi op. 142 di Schubert)  poteva fare dubitare delle capacità tecniche dell’esecutore, ferma restando la sua musicalità. Fortunatamente il bis eseguito (“La campanella” di Liszt) ha messo in luce doti tecniche non comuni con una esecuzione impeccabile Un artista da seguire e forse da valutare su uno spettro più ampio di autori per evitare di attribuirgli qulla etichetta di nicchia che tanto è stata in voga nello scorso secolo.
Standard

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.